Prezzo benzina e diesel, qui costa di meno: code ai distributori

Stanno verificandosi delle lunghe attese con tanto di file considerevoli ad alcune stazioni di rifornimento che hanno un prezzo di benzina e diesel più basso rispetto alla media.

Auto in coda ad un distributore di carburante
Auto in coda ad un distributore di carburante (Foto ANSA)

Prezzo benzina e diesel, si assiste a scene da cose dell’altro mondo in Sicilia. In alcune zone dell’Isola è successo ed ancora sta capitando di vedere delle code enormi ai distributori, con veicoli di tutti i tipi a mettersi in fila pur di fare rifornimento.

La cosa sta accadendo in particolare a Siracusa e provincia, dove sorgono alcune aree a bandiera russa. In quell’area c’è una delle raffinerie della Lukoil, importante multinazionale del settore petrolifero, che è russa. Ed il prezzo di benzina e diesel risulta essere alquanto vantaggioso.

La raffineria in questione, tra l’altro una delle più grandi in Europa, è controllata da una società italiana controllata da una svizzera, a sua volta gestita proprio dalla Lukoil. La quale ha il vantaggio di non essere stata colpita dalle sanzioni che l’Unione Europea ha decretato nei confronti della Russia.

Potrebbe interessarti anche: Prezzi di benzina e diesel, cosa avverrà dal 2 maggio: e fioccano le multe

Prezzo benzina e diesel, perché stanno avvenendo le code

Dalla raffineria di Siracusa si rifornisce buona parte della Sicilia, e questo contribuisce a tenere il prezzo di benzina e petrolio basso. Difatti il listino dei prezzi riferisce di 1,689 euro al litro per entrambi i tipi di carburante.

Ben alla lontana dai 2,3 euro al litro tanto per la benzina quanto per il gasolio che abbiamo visto fino a qualche settimana fa, oppure all’1,84 euro al litro di media che pure vige nonostante il taglio delle accise.

Potrebbe interessarti anche: Divieto di circolazione, blocco totale per questi veicoli senza un dispositivo

Il bello è che molte delle persone che sono disposte ad aspettare anche non poco pur di fare rifornimento ad un prezzo così vantaggioso non sanno che in molto casi quel distributore appartiene difatti ad una compagnia russa. Che per ovvi motivo è invisa ormai a tutto il mondo.

Potrebbe interessarti anche: Come risparmiare sulla benzina, così consumi di meno ogni volta

Ma di fronte agli interesse non c’è bandiera e non c’è sostegno politico che tenga. Pur solidarizzando in tutto e per tutto con l’Ucraina, c’è chi non esita a scegliere la benzina ed il gasolio russi perché costano sensibilmente meno rispetto che da altre parti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *