Coltivare ortaggi, l’hobby che può garantirci centinaia di euro

Quello di coltivare ortaggi può rivelarsi un conveniente passatempo, davvero remunerativo. Ci sono solo vantaggi e nessuna controindicazione, ed è facile da mettere in atto.

Una vanga in un orto di casa
Una vanga in un orto di casa (Pixabay)

Coltivare ortaggi, dal passatempo all’economia domestica, ha tante motivazioni di fondo come proposito per essere messo in pratica. Ed in tutte le stagioni questa attività ultramillenaria porta da sempre qualcosa di buono da mangiare all’uomo.

Si sa che l’agricoltura, di pari passo all’allevamento, ha da sempre rappresentato uno dei primissimi lavori onesti in grado di sfamare le generazioni che si sono succedute nei lunghi cicli della storia. Fino ad oggi. Anche in una epoca nella quale non ci manca nulla, mai e poi mai potremmo fare a meno di coltivare ortaggi.

E seppure la cosa abbia assunto una connotazione prettamente legata a quelle che sono le dinamiche industriali, va detto che comunque sono ancora in tanti coloro che detengono un piccolo appezzamento di terreno nel quale seminare pomodori, zucchine, melanzane, fave e frutti vari.

Potrebbe interessarti anche: Il concime adatto per protegge le piante grazie a un comune farmaco

Coltivare ortaggi, perché conviene e non ha aspetti negativi

Un tartufo nero invernale
Un tartufo nero invernale (Pixabay)

L’arrivo della primavera inoltrata è un periodo tra i più propizi dell’anno per coltivare ortaggi. Anziché spendere soldi per il loro acquisto, potremmo farli crescere da noi, a km zero e senza sostanze nocive. Con la certezza di sapere davvero cos’è che stiamo mangiando.

E ci sono anche prodotti della terra più particolari di altri, e che nell’accezione comune sono anche erroneamente ritenuti esclusivi. In realtà non è proprio così. Questo è il caso del tartufo, che in alcune situazioni legate a qualità e dimensioni, può fruttare anche centinaia se non migliaia di euro al momento della vendita.

Potrebbe interessarti anche: Come far ricrescere semi di verdura e frutta in casa: ecco i migliori consigli

Ma possiamo coltivare i nostri tartufi in maniera fai da te. Per fare ciò dovremo arricchire il nostro terreno di argilla e di un pò di calcare, per un valore di pH che deve oscillare tra 7 e 8. Con una irrigazione di almeno una volta ogni quattro giorni. Ci vorrà qualche anno per avere i primi risultati.

Potrebbe interessarti anche: Rendi il giardino un angolo di Paradiso piantando l’Iberis, pianta ornamentale celestiale

Altri prodotti da naturali sono le bacche di Goji ed il Finger Lime. E perché no, anche lo zafferano. Tutti a casa nostra e con un risparmio non da poco, dal momento che al chilo possono avere un prezzo superiore a volte non di poco rispetto alla frutta ed alla verdura per così dire abituali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *