Dolore al seno: potrebbe essere mastodinia, i sintomi

Se si avverte spesso dolore al seno potrebbe trattarsi di mastodinia, ma cerchiamo di capire che cos’è e quali sono i sintomi.

dolore al seno
Seno (Pexels)

Capita spesso nella vita di una donna di avere dei periodi in cui avverte dolore al seno. Le cause possono essere davvero diverse tra loro, da quelle più gravi a quelle più innocue. Ad esempio, è normale sentire dolore nel periodo fertile oppure prima e durante il ciclo mestruale.

Diciamo che una donna è abituata a sentire il dolore, conosce le varie fasi della vita e come reagisce il suo corpo. Ma può capitare che quel dolore si manifesti in un periodo in cui non dovrebbe esserci. Prima di allarmarsi e farsi prendere dal panico, è necessario approfondire con una visita medica. Potrebbe trattarsi di mastodinia.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Quanto incide il seno abbondante sulla postura di una donna?

Questa condizione non è molto conosciuta, se ne parla molto poco e probabilmente moltissime donne non la conoscono. Ma vediamo qui di seguito tutti i dettagli per capire meglio di che cosa si tratta.

Dolore al seno: cos’è la mastodinia

Primo piano di un medico al lavoro
Primo piano di un medico al lavoro (Pixabay)

Il medico opterà sicuramente per una visita senologica e per un’eventuale ecografia. Se si tratta di mastodinia la donna avvertirà dolore e tensione al seno, ad una mammella oppure ad entrambe. Può essere una condizione con durata breve, qualche ora, oppure con durata molto più lunga.

Una volta escluse altre patologie, non c’è motivo di preoccuparsi. Nella vita oltre il 70% delle donne ha avuto episodi di mastodinia. In genere, questa condizione si risolve da sola. Tuttavia, il medico può decidere di dare degli antidolorifici, oppure, in base all’intensità del dolore, scegliere una terapia ormonale. Infatti, a volte questo dolore può dipendere da squilibri ormonali, ma non sempre.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Scoperto come diagnosticare il tumore al seno in base al latte materno

Non si tratta di una condizione grave, non ha nessuna conseguenza. Tuttavia, prima di fare un’autodiagnosi è necessario andare dal medico se si avverte dolore e indagare sulle cause. Prima si escludono le patologie più gravi, poi si arriva a capire che si tratta di mastodinia e infine, si sceglie il trattamento più adeguato in base al caso specifico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *