Variabilità della frequenza cardiaca: la metrica della salute da monitorare

Tenere monitorata la frequenza cardiaca è un passo in più da fare per restare in salute: infatti secondo gli esperti è uno dei parametri più importanti.

elettrocardiogramma
Monitorare battito cardiaco (Unsplash)

Grazie ai fitness tracker, è più facile che mai misurare costantemente la frequenza cardiaca con una rapida occhiata al polso. Ma anche se la frequenza cardiaca è importante, c’è un’altra metrica che si dovrebbe conoscere e che può influenzare lo stato di salute, il livello di fitness e molto altro: la variabilità della frequenza cardiaca, o HRV. L’HRV è la quantità di tempo tra i battiti cardiaci. E mentre questo può non sembrare importante, è in realtà una metrica da tenere monitorata. Tuttavia, a differenza della frequenza cardiaca, è un po’ più difficile da misurare.

Ci sono pochi wearable (dispositivo indossabile) in commercio che misurano l’HRV. Servono per aiutare a capire se si ha recuperato abbastanza bene dall’ultimo allenamento per iniziarne uno nuovo. Queste metriche dettagliate sono uno dei motivi per cui gli atleti professionisti e gli allenatori focalizzati sulla resistenza sono grandi fan di questi prodotti.  Come qualsiasi altra metrica che i fitness tracker ti danno, l’HRV è piuttosto inutile a meno che non si capisca cosa significa e si sappia come usarlo per migliorare la salute e la forma fisica.

Ti potrebbe interessare anche >>> I cibi (molto buoni) alleati della salute del cuore: ecco quali sono

In che modo monitorare la variabilità della frequenza cardiaca

Dispositivi per monitorare il cuore
Wearable (Unsplash)

HRV è la quantità di tempo tra ogni battito cardiaco, il quale è controllato dal sistema nervoso autonomo. Il sistema nervoso autonomo è fondamentalmente il regolatore dello stress o del sistema nervoso dell’organismo e contiene due parti chiave: parasimpatico e simpatico. Dal momento che il recupero è una parte importante della routine generale di fitness, l’HRV è una delle metriche più utili per dire se il corpo ha recuperato (cioè non è in uno stato di stress o simpatico) in modo da continuare l’allenamento.

Ti potrebbe interessare anche >>> Glicemia a digiuno: ecco quanto dovrebbe essere secondo gli esperti

Una buona HRV è un segno che il sistema nervoso può adattarsi bene a varie situazioni, il che è positivo quando si tratta di gestire lo stress e la salute equilibrata in generale. L’HRV medio varia in base all’età, ma varia anche in base all’individuo. Poiché l’andamento dell’HRV è un riflesso dello stress a cui è sottoposto il corpo, praticamente tutti gli aspetti dello stile di vita possono influenzarlo. Lo stress non è solo mentale: malattie, difficoltà emotive, mancanza di sonno e disidratazione sono tutti esempi di cose che mettono sotto stress il vostro corpo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *