Ancora casi di epatite acuta tra i bambini: i sintomi più comuni e le terapie adottate

Continuano i casi di epatite acuta tra i bambini, sempre più diffusi: i sintomi più comuni e le terapie effettuate dai medici negli ultimi giorni.

epatite acuta bambini cure
Bambina visitata dal medico (Pexels)

Continuano i casi di epatite acuta tra i bambini, sempre più diffusi: i sintomi più comuni e le terapie effettuate dai medici negli ultimi giorni. L’origine della patologia è ancora oggi sconosciuta, eppure i sintomi con cui si manifesta sono piuttosto chiari, a cominciare da stanchezza, dolori e disturbi gastrointestinali. La febbre, invece, è quasi sempre assente. Si tratta di disturbi comuni, ma che bisogna monitorare con attenzione per evitare conseguenze più gravi.

Tra queste, possono verificarsi casi di ittero, ossia pelle gialla e colorazione scura del bianco degli occhi. Questa epidemia non sembra arrestarsi e medici si dicono presi alla sprovvista. Ogni settimana, i casi si moltiplicano in tutto il mondo, tutti con sintomi comuni su cui indagare. Che cosa stanno facendo i medici per arginare la diffusine della patologia e quali sono le terapie adottate?

Potrebbe interessarti anche → Se stai cercando una sana dose di adrenalina ecco i 5 sport che devi provare

Le cure intraprese dai medici per curare i sintomi dell’epatite acuta

epatite acuta bambino
Bambina sotto controllo della mamma (Pexels)

Ad oggi, i casi di febbre sembrerebbero pochissimi, i sintomi comuni sono soprattutto gastrointestinali. Vomito, nausea, diarrea, dolori addominali, spossatezza, occhi gonfi e alcuni casi di ittero. Se i sintomi durano per più di una settimana, meglio contattare un medico e sottoporre a visita il bimbo. In caso di ittero, meglio recarsi subito in ospedale.

L’evoluzione dell’epatite acuta è rapidissima, perciò è sempre bene agire tempestivamente. In alcuni casi, i medici hanno dovuto sottoporre i piccoli a trapianto di fegato. Nella maggior parte dei casi, però, la situazione è sotto controllo: i bambini sono curati con antivirali.

Come spiega Giuseppe Maggiore, direttore di Epatogastroenterologia e trapianti di fegato al Bambino Gesù, la malattia esordisce in modo acuto. Significa che il tempo di incubazione è brevissimo e i sintomi appaiono nell’immediato, nel giro di un paio di giorni. Secondo le direttive dell’OMS, bisogna eseguire esami del sangue, di urina, di feci e raccogliere campioni respiratori, per diagnosticare correttamente la patologia.

Potrebbe interessarti anche → Attenzione, è in arrivo un nuovo virus dagli animali? l’allarme

Se l’epatite viene diagnosticata, bisognerà affrontare una terapia mirata in un centro specialistico, in modo tale da controllare i parametri del bambino. È espressamente sconsigliata la somministrazione casalinga di farmaci. L’epatite danneggia il fegato, ma questo organo ha la capacità di rigenerarsi. Naturalmente bisogna seguire la terapia dettata dal medico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *