Stanchezza di primavera, sparisce se mangi questi cibi buonissimi

C’è una strada tutta in discesa per contrastare e debellare la stanchezza di primavera. E consiste nell’assumere dei precisi alimenti che piacciono a tutti.

Una donna dall'aspetto spossato
Una donna dall’aspetto spossato (Pixabay)

Stanchezza di primavera, per tanti è una condizione che non si riesce proprio ad evitare. Ad ogni cambio di stagione, di anno in anno, ecco che si presenta questo intorpidimento generale che può durare giorni come pure settimane.

La stanchezza di primavera colpisce a tutte le età e si può presentare perciò anche tra gli adolescenti ed i giovani, che solitamente hanno un sistema immunitario più resistente e reattivo. Il senso di spossatezza avvertito in alcuni casi è legato anche al proliferare delle allergie, che proprio nel periodo primaverile imperversano e contribuiscono a fiaccare i soggetti più predisposti.

Ma la stanchezza di primavera può comportare anche dei veri e propri malesseri. Che per fortuna possono essere arginati, ed in alcuni casi anche evitati, compiendo una azione preventiva ben specifica. Infatti si può contrastare questa situazione avversa in maniera molto semplice.

Stanchezza di primavera, cosa mangiare? Così vai sul sicuro

Frutta e verdura
Frutta e verdura (Pixabay)

Allo scopo di contrastare la stanchezza di primavera possiamo mangiare e bere frutta e verdura che si contraddistingue per il suo contenuto di vitamina C. Gli alimenti più consigliati sono:

  • mandarini;
  • arance;
  • limoni;
  • avocado;
  • pompelmi;
  • pomodori;
  • peperoni;
  • ananas;
  • kiwi;
  • fragole;
  • ciliegie;
  • albicocche;
  • banane;
  • carote;
  • lattuga;
  • radicchi;
  • spinaci;
  • broccoletti;
  • broccoli;
  • cavoli;
  • cavolfiori;
  • patate;

La lista è bella lunga e questo comporta anche la possibilità di effettuare dei mix vincenti, specialmente con la frutta. Per potere così gustare una buona e potente macedonia in base alle nostre preferenze. L’assunzione di vitamina C contribuisce a rinforzare l’apparato immunitario ed a fornirci ulteriori barriere contro ogni tipo di malessere stagionale, stanchezza compresa.

Potrebbe interessarti anche: Vitamina D3, cosa succede quando è bassa: fai attenzione

Quali sono le controindicazioni: attenzione

Va detto che anche concedersi un minimo di movimento è di grosso aiuto. Ad esempio una passeggiata per qualche giorno alla settimana, per un minimo di mezzora, contribuisce a stimolare il metabolismo ed a farci accusare meno la stanchezza.

Potrebbe interessarti anche: Vitamina B12 effetti collaterali, sorgono se prendi questi farmaci

Così come il bere molta acqua. Anche questo è di aiuto e si consiglia l’assunzione di almeno due litri ogni giorno. Occhio comunque a non esagerare con l’assunzione di troppa frutta e verdura. Le controindicazioni in questo senso possono portare al sorgere di situazioni di diarrea e di crampi addominali.

Potrebbe interessarti anche: Insonnia: una determinata vitamina influisce sulla qualità del sonno

Come in ogni circostanza quindi, occorre sempre usare moderazione. La frutta la possiamo assumere come spuntino a metà mattinata oppure a merenda di pomeriggio. Gli ortaggi tornano utili per un bel contorno a pranzo o a cena.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *