Passaggio di proprietà auto, la truffa che mette nei guai gli onesti: stai attento

C’è una brutta faccenda che riguarda la situazione passaggio di proprietà auto. La cosa coinvolge le persone che intendo legalmente acquistare un veicolo a quattro ruote, cosa è già successo.

Un'auto ferma con gli sportelli aperti
Un’auto ferma con gli sportelli aperti (Pixabay)

Passaggio di proprietà auto, una procedura che tutti i possessori di un veicolo a quattro ruote possono potenzialmente compiere almeno una volta nel corso della loro vita. Si tratta di una procedura relativamente semplice da portare a conclusione, ogni qualvolta si ceda il proprio veicolo a terzi.

Ma bisogna fare attenzione alle truffe. Anche il passaggio di proprietà dell’auto non è esente da situazioni controverse, che possono nascere da intenzioni non legali che i nostri interlocutori potrebbero tentare di mettere in atto ai nostri danni. Occorre sempre prestare la massima attenzione per evitare spiacevoli conseguenze che potrebbero essere difficili da affrontare.

Ad esempio, siamo veramente certi di stare per acquistare un’auto “pulita”? Perché le forze dell’ordine hanno scoperto diverse volte in passato dell’esistenza di vere e proprie organizzazioni criminali che riuscivano a lucrare sul passaggio di proprietà delle auto, coinvolgendo veicoli rubati. Ed a tutt’oggi ce ne sono di diverse altre attive.

Potrebbe interessarti anche: Sconto sul bollo auto, come fare per avere una ottima riduzione

Passaggio di proprietà auto, qual è la truffa che potrebbe capitarci

Un fanale anteriore di una vettura
Un fanale anteriore di una vettura (Pixabay)

La procedura seguita dai malintenzionati è semplice. Si fa ricorso ad un prestanome durante il procedimento di cessione di un veicolo usato, allo scopo di aggirare i controlli del PRA (il Pubblico Registro Automobilistico, n.d.r.) ed impiegando, in tutto ciò, della documentazione falsa.

Potrebbe interessarti anche: Bollo Auto, anche chi è in regola potrebbe rischiare grosso: il caso particolare

Ne consegue che alla fine è proprio l’acquirente a rischiare di subire dei procedimenti giudiziari, ad acquisto concluso. Chi vende l’auto rubata sparisce senza lasciare più tracce di sé e siamo noi a restare con il cerino in mano. E questo non solo allo scopo di indagare su fatti di furti noti ed accertati, ma eventualmente anche su altre irregolarità di tipo amministrativo o finanziario.

Potrebbe interessarti anche: Detrazioni sull’assicurazione, spettano oltre 500 euro in questi casi

Per esempio eventuali imposte per multe o per il bollo auto non versate dal precedente proprietario. Proprio perché non si sa chi sia, nel caso di auto rubate. Allo scopo di non cadere in questo tranello si consiglia perciò sempre di effettuare i dovuti controlli e di informare nel caso anche le forze dell’ordine della transizione in corso od avvenuta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *