Coltivazione rose, fai così per averle sempre rigogliose e coloratissime

Vediamo quali sono i metodi da mettere in pratica nel novero dell’argomento coltivazione rose. Vediamo come fare per farle crescere al meglio.

Delle rose bellissime
Delle rose bellissime (Pexels)

Coltivazione rose, i consigli per farle crescere al meglio. Cosa dobbiamo fare per avere il fiore per antonomasia sempre in piena salute sui nostri terrazzi, balconi e davanzali oppure nei nostri giardini? Seguendo alcuni semplici suggerimenti riusciremo a centrare lo scopo.

Basta ricordare di agire in un certo modo per quanto riguarda la scelta del vaso, del terreno, del posizionamento e della frequenza che la coltivazione delle rose richiede. Le dimensioni ideali di un vaso dovrebbero essere sempre di almeno 30 o 40 cm di diametro, e lo stesso è meglio che sia il più alto possibile, per dare più spazio alle radici per estendersi in profondità.

E la coltivazione delle rose ha bisogno di una frequenza di concimazione di circa una volta al mese. Prima di farlo si consiglia di innaffiare i piante, e di utilizzare un fertilizzante che sia concepito appositamente per questo tipo di fiori. Come diverse altre specie floreali poi, anche le rose necessitano di assimilare tanta luce del sole. Ma attenzione.

Potrebbe interessarti anche: Come piantare il ciclamino, i consigli per avere delle bellissime piantine

Coltivazione rose, quanto sole e quanta acqua servono in vaso

Alcune rose messe insieme
Alcune rose messe insieme (Pexels)

Se tra autunno e primavera possono ricevere fino a 8 ore di luce in media, in estate vanno riparate nelle ore più calde della giornata, altrimenti rischierebbero di bruciare. Per cui vanno tenute all’ombra. E quando si tratta di innaffiarle, occorre farlo di sera oppure al mattino presto, al lontano sempre dal periodo più caldo del giorno.

Potrebbe interessarti anche: Limone in vaso, i metodi per fare crescere una bella pianta in casa

L’irrigazione in estate deve avvenire ogni giorno, se in vaso e se fa molto caldo. E comunque mai meno di tre volte ogni sette giorni. Nelle altre stagioni invece si deve procedere innaffiando poche volte alla settimana ma in maniera abbondante.

Potrebbe interessarti anche: Come riprodurre le ortensie, fiori all’infinito con un pomodoro e una bottiglia

Di conseguenza pure il terreno deve risultare sempre umido, in questo modo sarà indice di buona salute generale delle vostre piante. Evitate però di bagnare petali e foglie, per impedire eventualmente ai funghi di proliferare oppure di fare bruciare i fiori. Bisogna sempre irrorare solo il terreno e le radici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *