Cosa aggiungere come condimento all’insalata per abbassare la glicemia

C’è un condimento adatto all’insalata per ridurre la glicemia fino al 34%, vediamo di che cosa si tratta e cosa aggiungere nella dieta.

Insalata (Pixabay)

L’alimentazione determina le caratteristiche del nostro organismo. Siamo macchine perfette che hanno una loro logica e un loro procedimento in tutto, qualcosa ancora avvolto nel mistero. Ma quello che gli studiosi sanno bene e che continuano a ripetere alla popolazione è di mangiare bene per poter stare in salute.

Le sostanze che ingeriamo vengono immagazzinate, elaborate e fatte circolare nel nostro organismo. Quindi, devono assolutamente essere sostanze buone. Gli alimenti devono essere sani per non creare problemi. Uno dei problemi che affligge maggiormente questa società è avere la glicemia alta. La glicemia è la concentrazione del glucosio nel sangue e deve mantenersi in un certo valore per far funzionare tutto bene.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Glicemia: elementi poco conosciuti che ne alzano il valore nel sangue 

Con questo condimento che si può aggiungere all’insalata ecco che i valori della glicemia potrebbero abbassarsi fino al 34%. Ma vediamo qui di seguito tutti i dettagli scoperti dagli studiosi.

Condimento nell’insalata: l’aceto di mele è ottimo per abbassare la glicemia

Aceto di mele
Aceto di mele (Pixabay-wicherek)

Si tratta dell’aceto di mele. Per condire l’insalata tutti noi usiamo un po’ di olio d’oliva, dell’aceto e del sale. Ma esistono tanti tipi di aceto disponibili in commercio. Di solito si usa l’aceto di vino, ma sarebbe meglio per la nostra salute usare quello di mele per avere tutti i benefici di un prodotto naturale ricco di pectidi e di enzimi.

Diversi studi condotti recentemente hanno dimostrato che questo tipo di aceto migliora la sensibilità all’insulina del 34%, la glicemia viene ridotta di oltre il 30%. Oltre ad essere usato come condimento per trarne tutti i benefici durante i pasti, come diminuire il picco glicemico dopo aver mangiato il pane, si può assumere in un altro modo.

Gli esperti dicono che si può assumere un cucchiaio di aceto di mele prima di andare a dormire oppure un cucchiaio in un bicchiere d’acqua prima di ogni pasto. In questo modo la glicemia al mattino sarà più bassa e durante i pasti non ci saranno problemi digestivi.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>> Aceto di mele naturale: farlo in casa è semplicissimo

Introdurre questo ingrediente nella propria dieta è importante. Dopo aver consultato un nutrizionista, soprattutto se avete problemi con la glicemia e con il diabete, sarete in grado di capire quali quantità assumere e in quali momenti della giornata per averne beneficio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *