Come moltiplicare le rose partendo da un ramo, la tecnica della piantumazione

Come moltiplicare le rose partendo da un ramo, la tecnica della piantumazione e del taglio per talea: come aver un roseto in poche mosse.

piantumazione rose
Rose, bianca e rossa, su legno (Pixabay)

Come moltiplicare le rose partendo da un ramo, la tecnica della piantumazione e del taglio per talea: come aver un roseto in poche mosse. Vediamo come agire senza rovinare la pianta. La natura è davvero sorprendente, se si ha un minimo di esperienza si riesce a coltivare, in vaso o in giardino, un bel roseto. Il tutto, partendo soltanto da una sola rosa.

È il sogno di tutti, dare colore e bellezza alla casa in modo semplice e, soprattutto, economico. Se, ad esempio, abbiamo in casa un singola rosa, ma vogliamo moltiplicarla e coltivare un roseto in giardino, basta moltiplicarla. C’è un tecnica davvero semplice per farlo, tuttavia servono anche alcune accortezze per non uccidere la rosa principale. Vediamo i passaggi che bisogna effettuare per la moltiplicazione e tutti i fattori da tenere da conto.

Potrebbe interessarti anche → Piante resistenti: la classifica delle specie più forti e facili da curare

Basta un ramo singolo per avere tante rose: il processo di moltiplicazione

moltiplicazione ramo rosa
Romanticissima rosa rossa (Pixabay)

Sicuramente si parla di uno de fiori più amati al mondo, simbolo di romanticismo e di bellezza. Le rose sono meravigliose e ricche di significato. Abbellire casa o il giardino è un sogno che può essere realizzato in poche attente mosse. Cosa prevede la tecnica della piantumazione? Ci basta una singola rosa. Naturalmente, dobbiamo attrezzarci con un vaso e preparare il terreno idoneo.

Sul fondo, dobbiamo mettere argilla espansa, in questo modo eviteremo accumuli di acqua e ristagni idrici che seccano le radici e le fanno marcire. Il terreno deve essere ben drenato, il terriccio universale, possibilmente con del fertilizzante specifico per questa pianta. Non resta che piantare la nostra singola rosa, affondando semplicemente il ramo nel terriccio.

Leghiamo il ramo a un bastoncino di legno, in modo tale che possa rimanere dritto. Il bastoncino deve fare da sostegno. Per legare ramo e bastoncino possiamo utilizzare una semplice fascetta, un nastro o un cordino. A questo punto, prendiamo una bottiglia di plastica da 1,5 o 2 litri e tagliamone il fondo. La mettiamo capovolta, sopra la nostra rosa, per fare da protezione, come fosse una campana.

Non resta che irrigare il terreno, lasciando costantemente umido ma senza eccedere con le irrigazioni. Dopo qualche tempo noteremo le prime gemme. È a quel punto che potremo togliere la protezione, ossia la bottiglia di plastica. Arrivati fin qui, significa che la rosa è in salute, è forte e pronta a far nascere altri rametti con i fiori.

Potrebbe interessarti anche → Fertilizzante per piante, basta qualche euro per crearne uno potentissimo

Adesso bisogna procedere col taglio per talea. Dal ramo principale, dobbiamo prendere il rametto più vigoroso e tagliarlo proprio all’attaccatura, utilizzando forbici sterilizzate. Solitamente, la talea prevede un taglio al di sotto delle 4-6 foglie. Il taglio deve essere fato in obliquo rispetto alla gemma. Una volta prelevato il nuovo rametto, replichiamo il procedimento di piantumazione. Serve un po’ di pazienza, ma in breve avremo tantissime rose colorate per abbellire la casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *