Zucca: proprietà, benefici, valori, consumo, ricette e controindicazioni

La zucca è protagonista  di mille ricette, ortaggio dalle qualità antiossidanti e benefici straordinari. Vediamo quali le altre caratteristiche.

tre zucche
Tre qualità di zucche (Foto Pixabay)

La zucca tra ottobre e novembre colora di arancio le nostre pietanze, possiamo utilizzarla per valorizzare paste fresche, risotti, contorni ma anche biscotti e torte.

Da tutti conosciuta come il simbolo della festa di Halloween, oramai celebrazione molto sentita anche nel nostro Paese, ma la zucca è questo e tanto altro.

Come infatti, sono molte le proprietà e le caratteristiche di questo ortaggio. Conosciamo meglio questo straordinario alimento.

Cos’è la zucca

La zucca è un ortaggio appartenente alla famiglia delle Cucurbitaceae, la stessa delle zucchine, dei cetrioli, dell’anguria e del melone.

Zucca aperta
Zucca aperta con semi (Foto Pixabay)

Ha moltissime proprietà utili sia a livello alimentare sia a livello cosmetico. Le origini di questo alimento non sono molto chiare, alcune testimonianze dimostrano come la storia di questo alimento cominci più di 8000 anni.

Tuttavia, sono in tanti a pensare che si tratti di un alimento originario dell’America.

Oggi, rientra a far parte di quei preziosi ortaggi invernali che si raccolgono in autunno e si conservano molto bene per mesi.

Benefici e proprietà della zucca

La zucca è un alimento con pochissime calorie e tante proprietà e benefici, quali:

  • è in grado di lenire le infiammazioni cutanee e viene impiegata nelle creme fai da te;
  • ricchissima di acqua (94 grammi su un etto di prodotto) e povera di zuccheri;
  • alta digeribilità e stimola la diuresi;
  • permette infatti di mantenere l’abbronzatura e di contrastare opacità e perdita di elasticità dei tessuti.
  • utile per chi soffre di stitichezza e problemi digestivi (aiuta a regolarizzare il transito);
  • contiene vitamina A, B e C (betacarotene), ma anche di magnesio, fosforo, ferro e potassio.

Inoltre, sotto forma di olio dei semi di zucca, se consumato con attenzione, è utilissimo proprio per contrastare le irritazioni gastriche e addirittura può aiutare a prevenire l’aterosclerosi.

Valori nutrizionali

La zucca è una verdura ipocalorica, in quanto ci sono 33 calorie ogni 100 grammi di prodotto fresco.

Nella stessa quantità di prodotto ci sono i seguenti valori nutritivi:

  • Parte edibile 81 %
  • Acqua 94.6 g
  • Proteine 1.1 g
  • Lipidi 0.1 g
  • Carboidrati disponibili 3.5 g
  • Amido 0.9 g
  • Zuccheri solubili 2.5 g
  • Ferro 0.9 mg
  • Calcio 20 mg
  • Fosforo 40 mg
  • Tiamina 0.03 mg
  • Riboflavina 0.02 mg
  • Niacina 0.5 mg
  • Vitamina A retinolo e eq (µg) 599
  • Vitamina C 9 mg

Varietà di zucche

Le varietà si distinguono per colore della polpa, per forma e dimensione. Tra le più comunemente utilizzate in cucina troviamo:

  • Hubbard: per la maggior parte consumata negli USA e dal colore arancione intenso;
  • Mammoth: il cui peso può arrivare fino a 100 chilogrammi ed ha forma rotonda;
  • Marina di Chioggia: usata per preparare gli gnocchi, presenta una buccia verde e pasta gialla;
  • Piena di Napoli: di forma allungata e consumabile sia cotta che cruda;
  • Zucca d’Albenga: ha forma a “trombetta” ed è eccezionalmente estiva.

Scelta, consumo e uso nelle diete

Quando si compra una zucca occorre fare attenzione a tre elementi:

  • picciolo: deve essere di un colore vivo, morbido al tatto ma senza staccarsi facilmente dalla zucca;
  • buccia: deve essere soda al tocco delle nocche ed emettere un rumore sordo;
  • polpa: se acquistata a tranci si può notare la polpa che deve apparire umida e non asciutta (altrimenti è segno che è già da qualche giorno sugli scaffali).

Consumata fresca, nella pasta, nel riso o nelle preparazioni dolci è l’ideale per acquisirne tutte le proprietà. In alternativa può essere conservata in un luogo asciutto e privo di illuminazione diretta.

Può essere riposta in frigorifero nelle classiche buste di carta (facendo attenzione che non marcisca). Può anche essere congelata a cubetti cruda e conservata per vari mesi o ancora cotta a sotto forma di polpa.

Come accennavamo, la zucca è un ortaggio con pochissime calorie, per questo motivo è molto consigliata nelle diete per chi vuole perdere peso ed essendo quasi priva di zuccheri, può essere consumata anche dai diabetici senza rischi specifici.

Riduce il rischio di cancro

La ricerca ha suggerito una relazione positiva tra una dieta ricca di beta-carotene e un ridotto rischio di cancro alla prostata. Il beta-carotene ha anche dimostrato di frenare lo sviluppo del cancro del colon in alcune popolazioni giapponesi.

Gli autori dello studio hanno concluso in quel frangente di aver trovato un’associazione statisticamente significativa e inversa tra più alte concentrazioni plasmatiche di licopene [un tipo di beta-carotene] e un minor rischio di cancro alla prostata, che era limitato ai partecipanti più anziani ea quelli senza una storia familiare di cancro alla prostata.

Le zucche contengono una ricchezza di antiossidanti. La vitamina C, la vitamina E e il beta-carotene hanno dimostrato di supportare la salute degli occhi e prevenire danni degenerativi. Uno studio trasversale su donne afroamericane più anziane ha dimostrato che mangiare 3 o più porzioni di frutta al giorno era associato a un ridotto rischio di degenerazione maculare correlata all’età. Ha anche portato a una progressione più lenta della malattia.

Combatte il diabete

I composti vegetali nei semi e nella polpa di zucca sono eccellenti per aiutare l’assorbimento del glucosio nei tessuti e nell’intestino, nonché per equilibrare i livelli di glucosio epatico. Possono essere associati a un minor rischio di diabete di tipo 2, anche se questo effetto non è stato dimostrato in modo coerente. Tuttavia, i composti hanno un tale impatto che i ricercatori suggeriscono che potrebbero essere rielaborati in un farmaco antidiabetico, in attesa di ulteriori studi.

Ricette con la zucca

Questo ortaggio è un alimento che si presta davvero a tantissime ricette, la sua versatile e il suo sapore delicato lo rendono protagonista di preparazione semplice e al contempo singolari.

Quella che oggi vi proponiamo è la classica vellutata, intramontabile ma sempre appetitosa vellutata di zucca che riscalda le serate invernali.

Vellutata di zucca

Pochi ingredienti per una pietanza dal sapore eccezionale.

zuppe light 6 ricette
Vellutata di zucca (Pixabay)

Ingredienti:

  • 650 ml di brodo vegetale;
  • 300 g di zucca gialla;
  • 150 g di porri;
  • 100 g di patate gialle;
  • 4 cucchiai di lievito alimentare;
  • 1 rametto di rosmarino;
  • olio evo;
  • sale e pepe q.b.

Potrebbe interessarti anche: Purè di patate e zucca, light e gustoso: velocissimo da fare con il Bimby

Procedimento

Iniziamo dalla base della nostra vellutata: tagliate i porri e fateli soffriggere in un filo di olio, inserite poi il rametto di rosmarino e aggiungete un poco di brodo.

Tagliate a cubetti la zucca e le patate e unitele ai porri, mettendo via il rametto di rosmarino. Unite ancora parte del brodo e lasciate cuocere per 25 minuti.

Non dimenticate di mescolare e aggiungere il resto del brodo. Una volta che le verdure si saranno cotte, frullate il tutto.

Aggiungete il sale, il pepe, il lievito alimentare, mescolate e fare riposare 5 minuti. Versate la vellutata nei piatti e aggiungete un ultimo filo di olio.

Controindicazioni

Il consumo di zucca non ha particolari controindicazioni, naturalmente come per tutti gli alimenti l’eccesso può provocare fastidi.

A differenza dei semi di zucca che invece sono piuttosto calorici, e andrebbero consumati in quantitativi ridotti.

È consigliabile non superare la dose massima di 10 grammi al giorno.

Inoltre, è indispensabile evitare di mangiarli in caso di ipersensibilità, che potrebbe manifestarsi con:

  • Difficoltà di respirazione;
  • Gonfiore;
  • Irritazione cutanea;
  • Mal di stomaco;
  • Mal di testa.

Tralasciando casi di allergia e intolleranza, il loro consumo non è associato a particolari controindicazioni.

Infatti, risulta sicuro per le donne in gravidanza e non ha alcuna interferenza con l’azione dei farmaci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *