Cashback PostePay, come funzionano i rimborsi: fino a 300 euro al mese

Il Cashback PostePay attira in molti, grazie alla vantaggiosa opportunità di recuperare parte delle spese compiute. Le modalità su come ottenerlo.

Il logo di PostePay
Il logo di PostePay (Foto ANSA)

Ben 300 euro da PostePay, per tutti coloro che sono titolari di un conto simile con Poste Italiane. La cosa riguarda una misura intrapresa dal precedente Governo Conte ma che viene attuata adesso, nonostante sia trascorso più di un anno con Mario Draghi subentrato al leader del Movimento Cinque Stelle in qualità di presidente del Consiglio.

I 300 euro da PostePay riguardano la misura del cashback, che proprio l’Esecutivo attuale aveva deciso di congelare e di togliere di mezzo, nonostante la buona risposta ottenuta. Il provvedimento era sorto allo scopo di incentivare i cittadini a concludere i pagamenti dei loro acquisti utilizzando strumenti tracciabili, come carte di credito o debito o bonifici postali o bancari.

Il cashback era ottimo per contrastare l’evasione fiscale. Ed ancora oggi sopravvive qualche misura analoga, come quella dei 300 euro da PostePay. Ma il tutto resterà in vigore, da parte di Poste Italiane, solamente fino al prossimo 30 giugno 2022. Giorno in cui tra l’altro scatteranno alcuni cambiamenti in materia di leggi finanziarie, come ad esempio l’obbligo del POS per il quale tutti gli esercenti di qualsiasi categoria dovranno consentire i pagamenti con moneta elettronica.

Potrebbe interessarti anche: Prezzi benzina, Poste Italiane regala i buoni da 50 euro: come averli

Cashback PostePay, come funzionano i rimborsi: fino a 300 euro al mese

Esempio di una tessera PostePay
Esempio di una tessera PostePay (Foto YouTube screenshot)

I trecento euro correlati a PostePay rappresentano il rimborso massimo ottenibile se si ha un conto con relativa carta. C’è bisogno di scaricare l’omonima app da Google Play per i dispositivi Android o da iOS per quelli Apple, ed inserire i dati della propria carta. Tra l’altro ogni accesso viene compiuto digitando delle credenziali personali delle quali ognuno è in possesso, e nessun altro, per un utilizzo assolutamente sicuro dell’applicazione.

Potrebbe interessarti anche: Libretti di risparmio, Poste Italiane chiuderà questi in automatico tra poco

Il cashback di PostePay funziona con ogni dieci euro di spesa compiuto. A questa sogna corrisponde un euro di rimborso, direttamente proporzionale alle dimensioni della cifra. Quindi un euro di ritorno per dieci o quindici euro spesi. Due euro per spese dai venti a i ventinove euro e così via. Spese tutte portate a termine con la propria PostePay, ovviamente.

Potrebbe interessarti anche: Giacenza media, come ottenerla senza fare la fila in banca o alle Poste

C’è un limite di rimborso al giorno di dieci euro, quindi verranno rimborsate le spese per massimo cento euro con cadenza quotidiana. Che al mese fa proprio 300 euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *