Mio figlio è felice? Come risolvere il dubbio di ogni genitore

Mio figlio è felice? E’ forse la domanda più grande che un genitore si pone. Ecco come risolvere il dubbio 

Felicità figli
Felicità nei figli (Pixabay)

Essere genitori è il mestiere più difficile del mondo e forse anche il più antico. Infatti, per fare il genitore, non esistono manuali e non c’è nessuno che te lo insegni. Nessuno ti dirà se stai facendo bene o male o se una cosa è meglio farla in un modo o in un altro. Insomma, tutto, proprio tutto, sarà sulle tue spalle. Non avere paura: nessuno è perfetto, sbagliare capita a tutti. Siamo certi però che l’amore per tuo figlio ti guiderà nelle decisioni e nell’apprendimento.

Alla fine, senza neppure accorgertene, ti troverai ad esser stato un genitore modello. Infatti, dobbiamo dire che, per quanto sia il mestiere più difficile del mondo, come già detto, è anche sicuramente il più bello ed emozionante da compiere.

Ti potrebbe interessare anche->Svizzera: prodotti per le pulizie pericolosi per la salute e inquinanti per l’ambiente

Mio figlio è davvero felice? il dubbio di ogni genitore

Felicità figli
Bambini (Pixabay)

E tuttavia c’è una domanda, l’unica e universale , che tutti i genitori prima o poi finiscono con il porsi. Mio figlio è davvero felice? Tutto quel che facciamo infatti lo facciamo cercando di far sì che i nostri pargoli siano felici. Ovviamente, come possiamo essere sicuri che nostro figlio sia felice e stia bene? l’interpretazione non è sempre così immediata a banale e una risposta sicura non c’è. A seconda dell’età possiamo azzardare una risposta.

Ti potrebbe interessare anche->Caffè, non berlo prima dei pasti: la motivazione è molto seria

Per un bambino piccolo o in età scolare, la felicità sarà più immediatamente percepibile. Un bambino felice è nella maggior parte dei casi un bambino curioso, movimentato, che ha voglia di fare. Inoltre, i bambini tenderanno ad esprimere in maniera più schietta e senza filtri le proprie emozioni. Diversamente invece per gli adolescenti o per i giovani adulti; la situazione qua si complica: provate ad instaurare, anche se può essere difficile, un dialogo. 

Cercate di ricordare che la vostra idea di felicità non è in automatico la loro. Che a voi sembrino infelici, non vuol dire siano realmente. Cercate di valutare il loro umore generale e le loro abitudini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *