Prato giallo, come fare per restituirgli il suo colore

Prato giallo, come fare per restituirgli il suo colore: le cause possono essere di varia natura, cerchiamo di capire quali siano.

Prato ingiallito suggerimenti utili
Prato verde (Pixabay)

A chiunque avrà un giardino che ha scelto di dotare di uno spazio verde, e di un parto, sarà capitato almeno una volta di notare che il prato perdeva man mano i suoi colori. Questo può indurci ad essere allarmati in effetti, specie se il fenomeno si presenta d’improvviso. I fattori che possono esserci dietro sono davvero molti e , per agire, bisognerà capire da cosa sia dipeso.

Ricordiamoci, quando passiamo al vaglio le cause, di tenere sempre a mente la tipologia di prato che abbiamo scelto. Quella potrà guidarci nello studio delle cause.

Ti potrebbe interessare anche->C’è un prodotto con cui puoi disinfettare il bagno (che però si trova nella tua cucina)

Prato giallo, come fare per renderlo di nuovo del suo colore originale

Prato rigoglioso suggerimenti
Giardino (Pixabay)

Il prato giallo è davvero terribile a vedersi, non ci piove, e vederlo perdere lucidità e brillantezza, dopo che magari ci siamo occupati del suo benessere lungamente, non può che darci dispiacere. Quello dell’ingiallimento del prato, però, se può rincuorarvi, è un problema che è anche piuttosto comune, e quindi non bisogna allarmarsi. Anche perché, per quanto alle volte lo scordiamo, il suo equilibrio è molto fragile ed è facilmente alterabile  per una ragione di cause molto ampia.

Ti potrebbe interessare anche->Lenzuola, ogni quanto bisogna cambiarle per tenere lontani funghi e batteri

Per prima cosa, com’è ovvio, dobbiamo cercare di capire cosa abbia portato il prato a diventare così. Nella maggior parte dei casi, si scopre sempre che il problema sono le temperature e, spesse volte, la diretta esposizione al sole, che avviene in maniera prolungata per più ore al giorno. Quando scegliamo il tipo di prato, questo è un fattore che troppo spesso dimentichiamo di considerare: dove andrò a metterlo, avrà abbastanza luce, ne avrà troppa?

Altre volte, alla base, ma più raramente, c’è un problema di concimazione o di carenza di nutrienti adatti. Un buon concime per il prato è quello a base di azoto, che andrà somministrato assieme al potassio, in giusta quantità.

Per quanto riguarda l’irrigazione, anche qui dipenderà tutto dalla tipologia di prato che abbiamo scelto. Più la tipologia è sabbiosa, più avrà bisogno di essere irrigato. Il momento migliore per l’irrigazione è l’alba, quando ancora la temperatura non è alta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *