Foglie gialle e secche: tutte le cause e i rimedi

Perché alcune volte le foglie delle nostre piante diventano gialle e secche? Vediamo i consigli degli esperti per rimetterle in sesto.

Foglie gialle
Foglie gialle (Canva)

Gli articoli più letti di oggi:

Vi prendete cura delle vostre belle piante in giardino o in balcone, ma questo non basta? Nonostante tutti gli sforzi, a volte, le foglie potrebbero diventare più gialle e secche e questo è dovuto a molte cause. Vediamone alcune e i rimedi a questo problema.

Perché le foglie delle piante ingialliscono? Rimedi contro le foglie gialle

Dai salotti ai paesaggi, le piante con foglie verdi rallegrano la giornata e abbelliscono il mondo. Ma a volte, nonostante i vostri sforzi, le foglie delle piante ingialliscono. Conosciuto come clorosi, l’ingiallimento si verifica quando qualcosa interferisce con la clorofilla della pianta, il pigmento che sta alla base del suo bellissimo colore verde.

Piante da casa
Piante da appartamento (Pixabay)

La buona notizia è che le foglie gialle indicano che le piante hanno bisogno di aiuto. Leggendo i segnali e prendendo le giuste misure, è possibile porre rimedio alle foglie gialle e prevenirne il ritorno.

La maggior parte delle foglie gialle può essere ricondotta a uno di questi problemi:

  • Drenaggio insufficiente o irrigazione non corretta
  • Danni alle radici o radici compattate
  • pH del terreno non corretto
  • Mancanza di sostanze nutritive adeguate.

1) Drenaggio insufficiente e irrigazione scorretta

I problemi idrici, sia in eccesso che in difetto, sono la causa principale delle foglie gialle. In un terreno troppo umido, le radici non riescono a respirare. Soffocano, si spengono e smettono di fornire l’acqua e le sostanze nutritive di cui le piante hanno bisogno. L’innaffiatura o la siccità hanno un effetto simile. Se l’acqua è troppo poca, le piante non riescono ad assorbire i nutrienti essenziali. Ne conseguono foglie gialle.

Per risolvere o prevenire i problemi idrici, iniziate con un terreno poroso e ben drenante. Se coltivate in contenitori, scegliete vasi con buoni fori di drenaggio e tenete i sottovasi liberi dall’acqua in eccesso.

Nel paesaggio, evitate di piantare dove si accumula l’acqua piovana o di irrigazione. Incorporate la materia organica, come il compost, nel terreno per migliorarne la struttura e il drenaggio.

Prima di annaffiare, fate il “test del dito” al terreno. Inserite il dito indice per qualche centimetro nel terreno. Come regola generale, annaffiate solo quando il terreno sembra asciutto. Poi annaffiate abbondantemente e in profondità. Se il terreno sembra fresco e umido, aspettate qualche giorno. Lasciate sempre asciugare leggermente il terreno prima di annaffiare di nuovo.

2) Danni alle radici

I danni alle radici si verificano in molti modi, da vanghe sbagliate a marciume radicale e altre malattie. Una volta danneggiate, le radici possono faticare a fornire ciò di cui la pianta ha bisogno.

Quando le piante in contenitore superano i loro vasi, le radici si compattano. All’esterno, il terreno compattato impedisce il movimento di acqua, ossigeno e sostanze nutritive. In questi casi, le radici non possono funzionare correttamente e i problemi si manifestano con foglie gialle.

Per controllare che le radici non siano danneggiate o compattate, fate scivolare delicatamente la pianta dal vaso (in questo modo potrete anche vedere da vicino l’umidità del terreno).

Le radici sane sono di colore giallo biancastro. Le radici scure e marce hanno un odore sgradevole. Se le radici sono marce e malate, è il momento di prendere in considerazione una nuova pianta. Se il problema è la compattazione, potate le radici non sane, allentatele delicatamente e rinvasatele in un contenitore più grande con un terreno ben drenante.

Per le piante da giardino, migliorate la compattazione del suolo arieggiando il prato. Incorporate la materia organica e la pacciamatura organica nei siti di piantagione. Anche il gesso da giardino può migliorare la compattazione del terreno, soprattutto nei terreni argillosi e pesanti, e aiutare a mantenere le foglie verdi.

3) Ph del terreno sbilanciato

Se coltivate piante in contenitore e le nutrite regolarmente con fertilizzanti per piante di alta qualità, probabilmente il pH del terreno non è la causa delle foglie gialle delle vostre piante. Ma se il vostro problema fogliare riguarda le piante da giardino, la chiave potrebbe essere il pH del terreno.

Il pH del terreno influenza l’accesso delle piante ai nutrienti. La disponibilità dei nutrienti cambia quando il pH del terreno sale o scende nella scala del pH. La maggior parte delle piante, comprese le erbe da prato, si trovano meglio con un pH del terreno da neutro a leggermente acido, tra 6,0 e 7,0. Le “piante che amano gli acidi”, come i rododendri e i mirtilli, preferiscono un terreno con un pH compreso tra 4,5 e 6,0.

Quando il pH del terreno si sposta al di sotto o al di sopra dell’intervallo ottimale di una pianta, alcuni nutrienti diventano meno disponibili per essa. Anche se le sostanze nutritive sono presenti, le piante non riescono ad assorbirle, nemmeno dai fertilizzanti aggiunti. Le foglie ingialliscono finché non si risolvono i problemi di pH.

Un semplice test del terreno identifica il pH del suolo e fornisce altre importanti informazioni. La maggior parte dei laboratori di analisi fornisce anche raccomandazioni sulle modifiche da apportare al terreno per ripristinare l’equilibrio del pH. Una volta fatto ciò, le sostanze nutritive tornano ad essere disponibili e le foglie verdi sono di nuovo in pista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.