Carta stagnola cancerogena e pericolosa per la salute: è davvero così? Le ultime ricerche

Utilizzare la carta stagnola per la cottura di alcuni cibi potrebbe non essere la scelta migliore in cucina. Ecco perché secondo le ultime ricerche bisognerebbe evitare.

Carta stagnola
Carta stagnola (Pixabay)

Gli articoli più letti di oggi:

Il foglio di alluminio è un prodotto domestico comune che viene spesso utilizzato in cucina. Alcuni sostengono che l’uso del foglio di alluminio in cucina può causare infiltrazioni di alluminio negli alimenti e mettere a rischio la salute. Altri, invece, sostengono che il suo utilizzo sia del tutto sicuro.

Carta stagnola in cucina: è cancerogena? Il parere degli esperti

L’alluminio è uno dei metalli più abbondanti sulla terra. Allo stato naturale, è legato ad altri elementi come fosfati e solfati nel suolo, nelle rocce e nell’argilla. Tuttavia, si trova anche in piccole quantità nell’aria, nell’acqua e negli alimenti.

Fogli alluminio
Fogli alluminio (Pexels)

Infatti, è naturalmente presente nella maggior parte degli alimenti, tra cui frutta, verdura, carne, pesce, cereali e latticini. Alcuni alimenti, come le foglie di tè, i funghi, gli spinaci e i ravanelli, hanno maggiori probabilità di assorbire e accumulare alluminio rispetto ad altri.

Inoltre, una parte dell’alluminio consumato proviene da additivi alimentari, come conservanti, coloranti, antiagglomeranti e addensanti. Si noti che gli alimenti prodotti in commercio e contenenti additivi alimentari possono contenere più alluminio di quelli cucinati in casa.

La quantità effettiva di alluminio presente negli alimenti dipende in gran parte dai seguenti fattori:

  • Assorbimento: La facilità con cui un alimento assorbe e trattiene l’alluminio.
  • Terreno: il contenuto di alluminio del terreno in cui l’alimento è stato coltivato
  • Imballaggio: Se l’alimento è stato confezionato e conservato in imballaggi di alluminio.
  • Additivi: Se l’alimento ha subito l’aggiunta di determinati additivi durante la lavorazione.
  • L’alluminio viene ingerito anche attraverso i farmaci ad alto contenuto di alluminio, come gli antiacidi.

In ogni caso, il contenuto di alluminio negli alimenti e nei farmaci non è considerato un problema, poiché solo una minima parte dell’alluminio ingerito viene effettivamente assorbita.

Il resto passa nelle feci. Inoltre, nelle persone sane, l’alluminio assorbito viene successivamente espulso nelle urine. In generale, la piccola quantità di alluminio ingerita quotidianamente è considerata sicura.

Cucinare con la carta stagnola potrebbe sottoporvi ad alcuni rischi

La maggior parte dell’alluminio assunto proviene dagli alimenti. Tuttavia, alcuni studi dimostrano che i fogli di alluminio, gli utensili da cucina e i contenitori possono rilasciare l’alluminio negli alimenti.

Ciò significa che cucinare con un foglio di alluminio può aumentare il contenuto di alluminio nella dieta. La quantità di alluminio che passa negli alimenti quando si cucina con il foglio di alluminio è influenzata da una serie di fattori, quali:

  • La temperatura: Cottura a temperature più elevate
  • alimenti: Cottura con alimenti acidi, come pomodori, cavoli e rabarbaro.
  • Alcuni ingredienti: Utilizzo di sali e spezie in cucina

Tuttavia, la quantità che permea gli alimenti durante la cottura può variare.

Per esempio, uno studio ha rilevato che la cottura della carne rossa in un foglio di alluminio può aumentare il suo contenuto di alluminio tra l’89% e il 378%.

Questi studi hanno fatto temere che l’uso regolare di fogli di alluminio in cucina possa essere dannoso per la salute. Tuttavia, al momento non ci sono prove evidenti che colleghino l’uso del foglio di alluminio a un aumento del rischio di malattie.

Rischi potenziali di utilizzare frequentemente l’alluminio in cucina

L’esposizione quotidiana all’alluminio che si ha attraverso il cibo e la cucina è considerata sicura. Questo perché le persone sane sono in grado di espellere efficacemente le piccole quantità di alluminio che il corpo assorbe.

Tuttavia, l’alluminio assunto con la dieta è stato suggerito come potenziale fattore di sviluppo della malattia di Alzheimer.

Il morbo di Alzheimer è una condizione neurologica causata dalla perdita di cellule cerebrali. Le persone affette da questa patologia subiscono una perdita di memoria e una riduzione delle funzioni cerebrali.

La causa dell’Alzheimer è sconosciuta, ma si pensa che sia dovuta a una combinazione di fattori genetici e ambientali, che possono danneggiare il cervello nel tempo. Nel cervello delle persone affette da Alzheimer sono stati riscontrati alti livelli di alluminio.

Tuttavia, poiché non esiste un legame tra le persone con un elevato apporto di alluminio dovuto a farmaci, come gli antiacidi, e l’Alzheimer, non è chiaro se l’alluminio alimentare sia davvero una causa della malattia.

È possibile che l’esposizione a livelli molto elevati di alluminio nella dieta possa contribuire allo sviluppo di malattie cerebrali come l’Alzheimer.

Ma il ruolo esatto dell’alluminio nello sviluppo e nella progressione dell’Alzheimer, se esiste, è ancora da determinare.

Oltre al suo potenziale ruolo nelle malattie cerebrali, alcuni studi hanno suggerito che l’alluminio alimentare potrebbe essere un fattore di rischio ambientale per le malattie infiammatorie intestinali (IBD).

Nonostante alcuni studi in provetta e su animali alludano a una correlazione, nessuno studio ha ancora trovato un legame definitivo tra l’assunzione di alluminio e le IBD.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *