Il metodo giusto per tagliare la pizza: non sono le posate

Il metodo giusto per tagliare la pizza: non sono le posate. Con le posate infatti rovini tutto il buono della pizza!

Posate per tagliare la pizza non si usano
Posate per tagliare la pizza (Pixabay)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI->

Se dobbiamo pensare a dei sapori nostrani, sicuramente tra le cose che ci vengono in mente c’è la pizza. Nata  a Napoli, anche se sulla sua origine ancora molto si discute visto chi c’è chi vorrebbe strappare la paternità alla città partenopea, la pizza è riconosciuta e rinomata in tutto il mondo. Ne esistono di diversi tipi: dalla focaccia genovese, morbida e salata, alla pizza romana, scrocchiarella e saporita, alla regina napoletana, morbida e avvolgente nell’impasto.

Può andar bene per un pranzo al volo- a Napoli le strade sono piene di piccoli negozi che vendono impasti del genere-, o anche per una cena in allegria. Ed eccoci, seduti al ristorante, che abbiamo appena ordinato la nostra bella pizza. La portano dalla cucina ancora calda, e noi afferriamo forchetta e coltello per tagliarla…e orrore!

Il giusto modo di tagliare la pizza: posa quel coltello!

Benché siate così abituati, la pizza non si taglia con coltello e forchetta. Facendo così infatti, andremo a sfaldare tutto il sapore della pizza.  Il sapore metallico delle forchette infatti potrebbe alterare quello dell’impasto, e in più potrebbe sfaldarne la consistenza. Ecco perché quindi dovremmo sempre andare ad evitare di usare le posate quando tagliamo la pizza.

E in che modo poterla gustare allora? Dobbiamo quanto più possibile praticare un taglio netto alla pizza. Per far ciò, possiamo usare una forbice, o una rondellina taglia pizze abbastanza appuntita. Basta, insomma, che il taglio sia netto e preciso, in modo che il contatto sia breve- il contatto con il metallo- e che l’intervento sia quanto meno invasivo possibile.

Oppure se hai proprio tanta fame, puoi anche non tagliarla! Mai sentito parlare della pizza a portafoglio?  Ti basterà piegare la pizza a metà e poi ancora a metà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *