Acqua a temperatura ambiente o fredda? Quale scegliere in estate

Acqua fredda o a temperatura ambiente? Da cosa dipende la scelta? La risposta degli esperti.

Bicchiere d'acqua
Bicchiere d’acqua (Pexels)

Se oggi non avete ancora bevuto acqua, è il momento giusto per prenderne un bicchiere. Ma è importante che sia fredda o a temperatura ambiente? Beh, dipende. Svelato il mistero, secondo gli esperti.

Acqua fredda o a temperatura ambiente: come fare a scegliere

L’idratazione è letteralmente essenziale per la sopravvivenza e si consiglia di bere ogni giorno circa la metà del proprio peso corporeo in grammi d’acqua. Tuttavia, ci sono discorsi contrastanti sull’opportunità di bere acqua ghiacciata o meno, e se un bicchiere a temperatura ambiente sarebbe meglio per la digestione a lungo termine. Vediamo di approfondire la questione.

Acqua
Acqua (Pexels)

Acqua fredda e acqua a temperatura ambiente

Un bicchiere di acqua fredda viene spesso classificato come un bicchiere che raggiunge una temperatura di 0°, ma in realtà basta girare il rubinetto su “freddo” o aggiungere un cubetto di ghiaccio alla bevanda per renderla sufficientemente fredda.

Per quanto riguarda l’acqua a temperatura ambiente, si tratta semplicemente di una temperatura ambiente. Naturalmente può variare a seconda dell’ambiente in cui ci si trova, quindi diciamo un intervallo compreso tra i 20 e i 25°. Ma è meglio l’una o l’altra?

Quando è meglio bere acqua a temperatura ambiente

Mentre l’acqua a temperatura ambiente non ha alcun beneficio scientificamente noto, l’acqua più calda sembra essere più convincente in altre culture. Come si può intuire, ci sono poche ricerche scientifiche sui benefici dell’acqua calda, anche se in molte culture viene raccomandata.

L’unica cosa davvero plausibile dal punto di vista scientifico è che bevendo acqua fredda si restringono i vasi sanguigni e si rischia di non avere un buon assorbimento, mentre bevendo acqua calda i vasi sanguigni sono più dilatati.

Detto questo, come si è detto, le pratiche tradizionali come l’Ayurveda suggeriscono che è più vantaggioso bere acqua a temperature più calde. In particolare, la mattina presto è il momento più importante per bere qualcosa di caldo. In sostanza, state risvegliando il vostro sistema digestivo.

L’Ayurveda parla spesso di creare calore nella digestione e bevendo acqua fredda si pensa di annullare questo effetto. Bere bevande fredde o ghiacciate può facilmente spegnere il fuoco digestivo. È meglio bere bevande a temperatura intermedia tra quella ambiente e quella calda.

Anche le bevande fresche possono essere giustificate, ad esempio in estate o quando si sente troppo caldo. Tuttavia, è bene consumarle consapevolmente, assicurandosi che non siano accompagnate da cibo o che passino almeno un’ora o due tra un pasto e l’altro. In questo modo, ci si può rinfrescare senza che ciò sia troppo dannoso per la digestione.

Secondo la medicina occidentale, quando si parla di digestione, la temperatura dell’acqua non ha molta importanza per la maggior parte delle persone. “Tuttavia, per le persone affette da una patologia chiamata acalasia, è importante”, spiega la dietista Frances Largeman-Roth, RDN, esperta di nutrizione e autrice di Smoothies & Juices.

L’acalasia è una condizione in cui l’esofago non riesce a spostare facilmente cibo e liquidi verso lo stomaco perché lo sfintere esofageo inferiore (LES), che collega l’esofago allo stomaco, non si apre.

Solo una persona su 100.000 negli Stati Uniti soffre di questa condizione, ma Largeman-Roth spiega che bere acqua calda o a temperatura ambiente può aiutare lo sfintere esofageo inferiore a rilassarsi, mentre l’acqua fredda peggiora la condizione.

Inoltre, se si è soggetti a emicrania, è bene prestare attenzione alla temperatura dell’acqua. Uno studio pubblicato sul Journal of Neurogastroenterology and Motility ha messo in relazione il consumo di acqua fredda con l’insorgere del mal di testa: le donne che hanno avuto una o più emicranie nell’ultimo anno avevano il doppio delle probabilità di avere un’emicrania provocata dall’acqua fredda.

Tuttavia, si tratta di un singolo studio del 2001 e questa associazione non è stata studiata molto da allora. Ciò che forse è più importante notare è l’evidenza che la disidratazione è strettamente correlata alla frequenza e alla gravità di emicranie e mal di testa.

Quando è meglio bere acqua fredda.

Sebbene una temperatura dell’acqua non sia necessariamente migliore dell’altra, uno studio pubblicato sul Journal of the International Society of Sports Nutrition ha rivelato che gli atleti che hanno bevuto acqua fredda dopo l’esercizio fisico hanno registrato un aumento meno significativo della temperatura interna e sono stati anche in grado di ritardare l’aumento della temperatura interna durante l’allenamento.

Inoltre, l’acqua fredda ha contribuito a migliorare le prestazioni nel salto in lungo per il 49% dei partecipanti, ma ha diminuito leggermente le prestazioni nella distensione.

“Se avete in programma di andare a correre in una delle nostre giornate con temperature superiori a 90°, vi conviene bere acqua ghiacciata prima e mettere dei cubetti di ghiaccio nella borraccia”, osserva Largeman-Roth.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

sdsd