Orchidea debole a causa del caldo? Alcuni trucchi per recuperarla

La vostra bellissima orchidea appare senza forze? Se le elevate temperature l’hanno danneggiata provate questi trucchi super efficaci per farla riprendere.

Orchidea indebolita dal caldo
Orchidea rosa (Collage foto da Facebook)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI SONO:

Dopo mesi di caldo torrido e afoso può capitare che la vostra orchidea sia debole, in questo caso i fiori sopravvissuti appassiscono e le foglie si afflosciano. Cosa bisogna fare in questi casi? Di certo gettare subito la spugna non è contemplato, prima di rinunciare alla vostra splendida pianta provate a recuperarla.

Ci sono alcuni efficaci trucchi che potete mettere in pratica per salvare la vostra pianta rovinata dalle alte temperature. Provateci e resterete davvero stupiti per gli ottimi risultati che si possono ottenere. Nei successivi paragrafi trovate tutto ciò che vi occorre e cosa è necessario fare per recuperare l’orchidea indebolita a causa del caldo.

Ecco come recuperare un’orchidea debole a causa dell’eccessivo caldo

Orchidea debole per il caldo
Orchidea (Screenshot da Facebook)

La prima cosa che dovete fare se la vostra bellissima orchidea è debole per vie delle alte temperature risulta essere quella di annaffiarla totalmente. Come? Dovrete immergerla dentro un lavandino o una bacinella piena d’acqua, facendola arrivare ad un’altezza di 1/3 circa del vaso. Lasciatela in ammollo per almeno 25 minuti, in questo modo la pianta potrà assorbire molta acqua e ciò la aiuterà a recuperare le forze.

Un altro trucchetto molto utile consiste nel tagliare lo stelo, questa è un’operazione che solitamente si svolge a inizio autunno prima che la pianta entri nella fase di riposo vegetativo. Durante l’inverno l’orchidea genererà un nuovo stelo che accoglierà altri boccioli con l’arrivo della primavera. Se però la pianta è molto debole per via delle alte temperature potete staccare subito lo stelo, senza quindi attendere l’autunno. Avendo un elemento in meno la pianta sprecherà meno energie che potrà utilizzare per rinforzare le foglie e la chioma.

L’orchidea si indebolisce soprattutto a fine estate, quando il caldo tende a diventare molto più secco, questa è una pianta che invece necessita di un elevato tasso di umidità. Per evitare che entri in una fase di ‘affaticamento’ potete provare a vaporizzare le sue foglie con acqua a temperatura ambiente, si tratta della vaporizzazione “di supporto”. In questo modo l’umidità superficiale della pianta sarà più alta e questo la aiuterà a resistere.

Un altro infallibile rimedio è quello di rinforzare la pianta con un ottimo e adatto concime energetico. Somministrate alla vostra incantevole orchidea la dose che solitamente utilizzata a marzo per la ripresa vegetativa, cioè: 30 parti di azoto, 10 parti di potassio e 10 parti di fosforo. Questo rimedio rinforzerà in modo davvero notevole la pianta grazie all’importante dose di energia che riceverà, così facendo si riprenderà e resisterà durante gli ultimi giorni di caldo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.