Lavare capi bianchi e colorati insieme, il metodo sicuro per farlo

Esiste un modo per lavare capi bianchi e colorati insieme senza arrecare alcun danno ai nostri capi di abbigliamento, panni e quant’altro. Bisogna applicare questo semplice metodo.

Una ragazza sta per fare il bucato
Una ragazza sta per fare il bucato (Freepik)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Lavare capi bianchi e colorati insieme, è veramente una cosa impossibile e che non andrebbe mai messa in atto? Non proprio. Qualche espediente c’è per riuscire a risparmiare tempo ed anche denaro, dal momento che la lavatrice esige un dispendio di corrente elettrica non da poco.

Ed i costi dell’utilizzo di questo elettrodomestico comunque indispensabile ed al quale mai e poi mai potremmo rinunciare si riversano tutti sulla bolletta della luce. La lavatrice andrebbe usata con parsimonia proprio per questi motivi. Possiamo arginare consumi ed esborsi applicando dei trucchi furbi, proprio come il lavare capi bianchi e colorati insieme.

Certo, magari qualche precedente in cui magari abbiamo messo a lavare capi bianchi e colorati insieme in maniera fortuita potrebbe averci dato come risultato dei capi che hanno totalmente cambiato la loro conformazione cromatica. Cosa che alla fine finisce con il rovinarli e con il non farceli più apprezzare come prima.

Lavare capi bianchi e colorati insieme, occhio a temperatura e colori

Il lavaggio di indumenti dall'interno di una lavatrice
Il lavaggio di indumenti dall’interno di una lavatrice (Freepik)

Un modo ideale per procedere consiste nel riporre insieme sia abiti e panni chiari che scuri insieme all’interno del cestello. Anche se è meglio evitare ciò nel caso di indumenti nuovi, per i colorati. Il primo lavaggio dovrebbe sempre avvenire a mano, poi i successivi possono tranquillamente avere luogo in lavatrice.

Questo avviene perché i tessuti nuovi rilasciano più colore, questa cosa poi si attenua man mano che li si lava, fino al punto da rendere questo processo non più incisivo. Poi anche la temperatura fa la differenza. Per ridurre il più possibile il rilascio e la mescolanza di colori, la soluzione migliore è quella di scegliere una temperatura di 30°.

Cosa che riduce anche consumi e costi. È comunque vero che un lavaggio ad almeno 70° garantisce che ogni eventuale microrganismo si dissolva. Nel caso comunque ci penserà una bella passata col ferro da stiro a debellare qualsiasi batterio eventualmente presente nei tessuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.