Rimedi per la pancia gonfia dopo i pasti: cosa mangiare e cosa evitare

Avere la pancia gonfia dopo i pasti è un disturbo molto comune e molto fastidioso, un problema che necessita di precisi rimedi.

soluzioni naturali pancia gonfia
Salute dell’intestino (Pexels)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Il disturbo della pancia gonfia affligge tantissime persone nel mondo, sia donne che uomini, e ciò è dovuto a una scorretta alimentazione, oppure ad abbuffate veloci. Avere la pancia gonfia e pesante è un disagio che può mettere in imbarazzo e che non è semplice da risolvere. Mangiare lentamente, praticare esercizio fisico, affrontare diete particolari, aiuta di certo, ma non basta.

Bisogna affrontare una sana alimentazione e porre attenzione a particolari rimedi naturali. Evitare la pancia gonfia post pasto è possibile, ma bisogna impegnarsi. Basti considerare che alla base del gonfiore addominale c’è il meteorismo, ossia l’aria nella pancia, che comporta anche una cattiva digestione e, in molti casi, anche stipsi. Come risolvere il problema?

Come risolvere i problemi legati al gonfiore di pancia

rimedi problemi digestivi
Ragazza che si abbuffa (Pexels)

Avere tanta aria nella pancia potrebbe essere sintomo di alterazione nella flora batterica. Ciò porta a problemi quali coliti aerofagia e disturbi digestivi. L’aria deriva dalla fermentazione del cibo nello stomaco, questo processo ovviamente affatica gli organi e rende difficile la digestione, gravando su apparato digerente e fegato.

La modalità con cui ci approcciamo al cibo e il tipo di cibo stesso che assumiamo possono fare la differenza. Alcuni tipi di alimenti che possono provocare gonfiore sono latticini, alcolici, cibi ricchi di zuccheri, legumi, pane e pasta. Stessa cosa può succedere per via di alcune intolleranze alimentari.

Le intolleranze non sono allergie, perché scatenano la reazione lentamente, tramite accumulo di sostanze non tollerate dall’organismo. I sintomi connessi a una intolleranza sono sonnolenza, gonfiore, stanchezza, mal di testa e insonnia, crampi e infiammazioni intestinali. In alcuni casi, viene coinvolta anche la pelle, con infiammazioni, rossori e prurito.

La maggior parte dei casi di gonfiore di pancia deriva dal metabolismo lento. Occorre accelerarlo sfruttando le potenzialità dei rimedi naturali. Uno stato di pesantezza post pasto e di gonfiore addominale non solo si basa sul tipo di alimentazione, ma spesso è collegata anche a uno stato di stress mentale.

Dieta leggera, i cibi da consumare e quelli da evitare

cibi gonfiore pancia
Panini, cibo calorico che gonfia (Pexels)

In questo caso, occorre seguire una dieta leggera e sana, praticare sport e alleggerire lo stress mentale. Mangiare lentamente, concentrandosi sul cibo, non distrarsi, stare lontani da telefonino, sono tutti comportamenti positivi che aiutano a combattere il disagio. Una dieta leggera e che aiuti la digestione, prevede il consumo di determinati cibi.

Meglio evitare bibite gassate e cibi calorici. Ma non solo, anche la frutta, se consumata a fine pasto, gonfia parecchio. Perciò meglio consumarla da sola o lontano dai pasti principali, come spuntino. Per ridurre il problema, inoltre, occorrono due settimane di dieta leggera. L’organismo, infatti, ha bisogno di disintossicarsi, e questo è il tempo necessario per tornare in equilibro.

Meglio scegliere riso bianco, pasta con poco condimento, pesce magro, yogurt. Questi cibi permettono di riequilibrare l’intestino. Per due settimane, meglio evitare di consumare cibi che possano provocare gas, come cavolini di Bruxells, broccoli, legumi, latte e latticini. Se le verdure si possono, al massimo, consumare al vapore,legumi è meglio decorticarli o frullarli.

Anche i cereali, per quanto benefici, sono ricci di fibre, quindi gonfiano, rallentando la digestione. Meglio consumarli in maniera limitata. I rimedi naturali che possiamo adottare per sbarazzarci del problema sono il consumo di succo di aloe vera, che ripristina le funzionalità intestinali, lo zenzero, un toccasana per la digestione, i fermenti lattici per la flora batterica, integratori di olio di menta piperita, che riducono la formazione di gas, e il finocchio e la melissa, che sgonfiano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.