Orchidea, come curarla? La guida completa per questo bellissimo fiore

Orchidea, come curarla? La guida completa per questo bellissimo fiore: il giardinaggio conosce croci e delizie, ma questo fiore è una delizia a tutti gli effetti!

Cura orchidee
Orchidea (Pixabay)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI->

L’orchidea è un fiore bellissimo che vorremmo avere con noi per tutto l’anno. E in realtà, viste le prerogative, sarebbe anche possibile. Peccato che però, per nostra incuria e distrazione, i boccioli finiscano col perdersi molto presto e rapidamente. Insomma, la godiamo molto di meno di quanto non potremmo farlo. Per aver cura come si deve di questo fiore, occorre, come per tutte le cose, un po’ di conoscenza.

Se volete sapere come comportarvi con questo fiore così bello e delicato, dovreste prestare l’orecchio ad alcuni consigli. Ad esempio: lasciate cadere i boccioli che sono già secchi e curate gli altri. E’ normale che in un periodo la pianta vada in riposo vegetativo, ma voi continuate a prestare tutte le cure che sono necessarie al caso.

Come capire se la tua orchidea è in salute o è morta

Orchidea trucchi
Bocciolo (Pixabay)

Uno dei dubbi principali che viene quando si tratta di orchidee è se il riposo vegetativo è davvero tale o se la tua pianta è morta. Insomma, come facciamo a capire se la nostra orchidea ci darà ancora dei boccioli o no?

Per prima cosa, guardiamo lo stato delle radici: è la prova del nove. Una radice sana- basta guardare in superficie, senza andare troppo a scavare- ha un colore grigiastro. Altri colori, accompagnati anche da muffe o segni batteriologici visibili, indicano che la pianta è morta.

Come riprendere un’orchidea secca: è possibile?

Nel giardinaggio, quando ci rendiamo conto che la nostra orchidea sta per lasciarci, ci dispiace davvero molto. Il giardinaggio richiede cura e fatica, e veder fallire il nostro impegno è sempre un pizzico doloroso. Ma non dobbiamo darci per vinto: un’orchidea può sempre essere recuperata, se si agisce in tempo. Per prima cosa, è necessario che si capisca la causa. 

Se l’orchidea presenta delle foglie molli, probabilmente è disidratata. La disidratazione può essere legata sia alle scarse innaffiature- in quel caso basterà aumentarle- o anche ad un basso tasso di umidità, o a temperature troppo alte. Se la causa sono i funghi alle radici, dobbiamo procedere a travasarla, togliendo le radici marce.

Orchidea dalle foglie molli: come comportarsi?

Orchidea fiori
Orchidea rosa (Pixabay)

Come abbiamo accennato, se l’orchidea ha le foglie molli, è molto poco probabile che si tratti di un’infezione fungina o di un batterio. Con buone probabilità si tratterà di una questione di innaffiature. Probabilmente hai ecceduto in senso contrario o carente. Risolvi subito!

Ogni quanto annaffiare le orchidee? Non esagerare!

Se ti stai chiedendo ogni quanto bisogna annaffiare le orchidee tieni conto di questa cosa: le orchidee sono abituate ad un clima tropicale, dove la stagione secca dura sei mesi. Basterà dunque annaffiarle due volte a settimana: queste piantine sono abituate a fare tesoro delle scorte d’acqua che riescono ad assorbire. Motivo per cui non dobbiamo mai esagerare.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.