Idrocoltura, la coltivazione delle piante in acqua. Funziona!

Secondo gli esperti, l’idrocoltura, ossia la coltivazione delle piante in acqua, è un tecnica molto funzionale. Come metterla in pratica?

tecnica idrocoltura
Piantine in vasetti d’acqua (Pixabay)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

L’idrocoltura è una tecnica agricola antichissima, ma anche noi la possiamo mettere in pratica in casa, coltivando le nostre amate piantine in vasi pieni di acqua. Al posto del classico terriccio, magari possiamo mettere sul fondo del vaso dell’argilla espansa. Grazie a questa tecnica, che sta letteralmente spopolando nel mondo, anche grazie ai social, possiamo sfruttare alcuni vantaggi. Quali?

Ad esempio, abbiamo un ottimo utilizzo del potenziale genetico delle piante, possiamo avere un migliore controllo sul loro nutrimento, possiamo velocizzare la loro crescita, e inoltre si risparmia sull’uso di fertilizzante, di erbicidi e sullo spazio domestico. Ecco perché metterla in pratica in modo facile e funzionale.

Coltivazione delle piante, l’idrocoltura è la tecnica più semplice

coltivazione piante acqua
Pianta coltivata in acqua (Pixabay)

Coltivando le piante direttamente in acqua, possiamo renderci conto del livello stesso del liquido, e riempire nuovamente, in caso di necessità. Inoltre, l’argilla gode di diversi vantaggi rispetto al terriccio comune, poiché è in grado di assorbire maggiormente l’acqua e di rilasciarla in maniera più comoda. Inoltre non si secca e non si compatta.

All’argilla espansa, la pianta può attecchire in modo stabile. Quando spostiamo una pianta da vaso in acqua, dobbiamo prima di tutto pulire le radici di tutta la terra accumulata, bagnarle sotto acqua corrente, a temperatura tiepida, tagliare eventuali radici e foglie gialle o secche, e poi metterla nel vaso colmo di acqua.

coltivare pianta vaso acqua
Apparato radicale sviluppato in acqua (Pixabay)

In questo modo, totalmente libere, le radici potranno solidificarsi e allungarli, congiungendosi con l’argilla. Non tutte le piante, però, crescono bene in ambiente liquido, perciò è meglio scegliere quelle più predisposte, che possono essere il ficus, la dracena, l’asplenio, la pianta del caffè, il pothos, il filodendro e molte altre.

Tra le verdure che solitamente consumiamo in tavola, si prestano bene i pomodori, i cetrioli, i peperoni, ma anche tutte le verdure a foglia verde, come insalata, lattuga, rucola, bietola. Anche le piante grasse si possono coltivare agevolmente in acqua. L’idrocoltura sta spopolando, tanto da essere definita l’ultima tendenza green, proprio grazie alla sua semplicità di fondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.