Camminata: meglio concentrarsi sui passi o sulla velocità?

Fare una camminata per mantenersi in forma è l’ideale, ma è meglio puntare sulla velocità o sui passi? Ecco cosa dice lo studio.

camminare benefici
Camminare (Unsplash)

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DI OGGI:

Andare a camminare è un’attività che se fatta regolarmente può avere importanti benefici per la salute mentale e del corpo. Solitamente vengono consigliati i soliti 10.000 passi giornalieri per mantenere il corpo attivo ma una recente ricerca ha sradicato questo mito. Sembra infatti che sia più efficace la velocità della camminata piuttosto che il numero di passi.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista JAMA Internal Medicine e per arrivare alle sue conclusioni, ha monitorato 78.500 persone di età compresa tra 40 e 79 anni provenienti dal Regno Unito. Per il monitoraggio, le persone hanno usato un contapassi da polso per circa sette giorni 24 ore su 24. Dopo i primi risultati, i ricercatori hanno diviso le persone in tre gruppi:

  • meno di 40 passi al minuto
  • più di 40 passi al minuto
  • maggior numero di passi nell’arco di 30 minuti.

Lo stesso team di ricerca, ha esaminato dopo sette quegli stessi risultati scoprendo per l’appunto, una cosa incredibile.

Velocità più efficace dei passi: il segreto della camminata

Camminata sportiva
Camminata sportiva (Pexels)

Grazie hai risultati ottenuti dal primo studio, il team di ricerca è arrivato alla conclusione che le persone che eseguivano un numero maggiore di passi, mostravano un rischio minore per malattie cardiache e cancro. La revisione di sette anni più tardi, ha evidenziato tuttavia che chi aveva mantenuto un ritmo veloce di 112 passi al minuto per 30 minuti, si riduceva il rischio di demenza di circa il 62%.

10.000 passi al giorno restano il traguardo da raggiungere per mantenere uno stile di vita sano. Tuttavia anche camminare veloce per brevi intervalli di tempo sembra sia benefico per la salute. Ovviamente il costo energetico varia poi in base all’età, in quanto è maggiore nelle persone anziane. Da tenere in considerazione quando si vuole iniziare a camminare ci sono l’intensità del passo e, appunto, l’età. Non esiste una risposta certa se sia meglio attenersi al conteggio dei passi o alla velocità, sicuramente tutti e due i modi fanno bene alla salute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.