Accavallare le gambe: l’abitudine da interrompere per la postura

Incrociare o accavallare le gambe è un’abitudine da interrompere quanto prima per il bene della nostra postura.

Accavallare gambe
Gambe incrociate (Adobe Stock)

Gli articoli più letti di oggi:

Molte persone incrociano le gambe quando si siedono. Se siete tra queste persone, forse dovreste ripensare alle vostre azioni. Accavallare le gambe non fa bene né alla circolazione né alle vene.

La posizione a gambe incrociate esercita una pressione inutile su aree specifiche del corpo. Questa pressione può causare problemi circolatori e, in ultima analisi, contribuire alla malattia delle vene, o insufficienza venosa.

Incrociare le gambe: perché non dovreste farlo

Quando si sta seduti per lunghi periodi, si può notare che i piedi, le gambe o i glutei iniziano a formicolare e talvolta possono diventare completamente insensibili.

Gambe
Accavallare gambe (Pexels)

Ciò si verifica a causa della costrizione del flusso sanguigno in queste aree del corpo. Stare seduti con le gambe o le caviglie incrociate può rendere ancora più difficile il flusso sanguigno. Queste posizioni possono affaticare il sistema circolatorio e danneggiare le vene.

La buona notizia è che accavallare le gambe o le caviglie è semplicemente una cattiva abitudine e un comportamento che può essere modificato con relativa facilità. Per esempio, se fate un lavoro che richiede lunghi periodi di seduta, potreste aver bisogno di fare frequenti pause per muovervi.

Se non potete lasciare la scrivania, potete provare a fare stretching o a massaggiare le gambe sul posto. Queste azioni possono aiutare a far fluire di nuovo il sangue in modo corretto.

Accavallare le gambe danneggia le vene

Le arterie pompano il sangue dal cuore e le vene lo riportano indietro. Le vene varicose e le vene a ragno si formano quando le piccole valvole unidirezionali all’interno delle vene si danneggiano e non sono in grado di pompare il sangue verso il cuore.

Al contrario, il sangue scorre nella direzione sbagliata e inizia a ristagnare, di solito nelle estremità inferiori, grazie alla gravità e al fatto che le persone trascorrono la maggior parte del tempo in posizione eretta o in piedi. Sfortunatamente, le gambe e le caviglie si trovano nella parte inferiore del corpo.

Sintomi della malattia della circolazione venosa

Oltre a provocare le vene varicose, la malattia delle vene può provocare una serie di altri sintomi, tra cui:

  • Gambe stanche e doloranti
  • Bruciore ai polpacci o alle cosce
  • Gonfiore alle gambe e alle caviglie
  • Dolore alle gambe che si attenua quando si cammina o si sollevano le gambe
  • Intorpidimento o formicolio
  • Difficoltà a stare in piedi per lunghi periodi
  • Ferite alle gambe che non guariscono
  • Pelle secca e pruriginosa.

I problemi venosi non trattati possono portare a condizioni di salute pericolose. Le ulcere venose sono ferite aperte che non guariscono e possono essere soggette a infezioni. La trombosi venosa profonda (TVP) è un tipo grave di coagulo di sangue che mette a rischio la vita.

Accavallare le gambe e pressione sanguigna

Può sembrare un modo innocuo di sedersi, ma accavallare le gambe può in realtà aumentare la pressione sanguigna. Il motivo è da ricercare nel modo in cui la posizione accavallata influisce sulle vene.

Quando si sta seduti con le gambe incrociate, i vasi sanguigni della gamba vengono compressi. Questo impedisce al sangue di scorrere liberamente e lo fa ristagnare nella gamba. Per far fluire di nuovo il sangue, il cuore deve lavorare di più, facendo aumentare la pressione sanguigna.

Sedersi con le gambe incrociate e gli effetti sulla postura

Stare seduti per lunghi periodi di tempo con le gambe incrociate alle ginocchia mette il bacino in una rotazione non ottimale. Questo può causare dolori alla parte bassa della schiena. Inoltre, nel tempo, può portare a un disallineamento della colonna vertebrale.

Quando la postura è scorretta, i muscoli fanno costantemente gli straordinari per cercare di stabilizzare il corpo. Questo provoca affaticamento e rigidità muscolare.

Fattori di rischio che rendono l’accavallamento delle gambe ancora più dannoso

Oltre il 30% della popolazione statunitense è affetta da malattie venose, o insufficienza venosa. Le persone con ulteriori fattori di rischio dovrebbero assolutamente cercare di interrompere la cattiva abitudine di accavallare le gambe e le caviglie.

La genetica e l’invecchiamento giocano entrambi un ruolo importante nello sviluppo di problemi venosi, quindi se si hanno parenti con vene varicose o ragno, è più probabile che anche voi ne soffriate. Si è considerati a maggior rischio anche se si è:

  • Una donna
  • incinta
  • fumatore
  • ipertesi
  • Diabetici
  • Inattivo
  • Sovrappeso
  • Lavoro che richiede una prolungata permanenza in piedi o seduta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

sdsd