Pulire il bagno, come sbiancare la tazza ed eliminare la muffa

I consigli su come pulire il bagno prevenendo la formazione di macchie e di muffa all’interno del wc. In questo modo è super facile.

Una tazza del water perfettamente igienizzata
Una tazza del water perfettamente igienizzata (Foto Freepik)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Esenzione dal ticket sanitario, come averla: i requisiti necessari
Bonus Mobili, solo così ottieni lo sconto in fattura: cosa devi fare
Harry e Meghan, lite furibonda con Carlo dopo la morte della regina

Pulire il bagno, guai a non farlo. Passate una sola settimana senza fare questo e noterete dei gravi effetti collaterali. Dovremo fare i conti con la puzza, anzitutto, ma anche con il proliferare dei batteri e con tracce niente affatto carine da vedere sulla ceramica della tazza, del bidet ed anche della rubinetteria.

Tutto va invece sottoposto a regolare pulizia: pulire il bagno è fondamentale per avere un ambiente confortevole dove prendersi cura del proprio corpo. Lo specchio, i vari mobili, i rubinetti, il lavandino, water e bidet, doccia e vasca da bagno vanno tenuti in ordine.

Tra gli altri effetti indesiderati del non pulire il bagno possono esserci il sorgere della muffa e della umidità sulle pareti ed il deperimento accelerato di tante cose presenti lì. Lo sporco infatti influisce sul corretto funzionamento di dispositivi, rubinetti e quant’altro.

Pulire il bagno, addio alla muffa con questi due metodi

Un bagno ottimamente pulito
Un bagno ottimamente pulito (Foto Freepik)

Nel caso del wc, la muffa può formarsi anche al suo interno. Ed in quel caso sono dolori. È necessario intervenire subito per eliminarla. Per riuscirci ci serviranno i soliti e fidi aceto bianco e bicarbonato di sodio, sia singolarmente che uniti tra loro. Entrambi riescono ad essere degli ottimi disinfettanti, specialmente l’aceto.

Il modus operandi è molto, molto semplice: versiamo 250 ml di aceto all’interno della tazza, sia sulle superfici che al centro. Altri 250 ml mettiamoli all’interno del serbatoio. Potenziamo l’azione mettendo sempre nella tazza ance la stessa quantità di bicarbonato. Teniamo abbassata la tavoletta per un’ora e quindi strofiniamo con uno scopino.

Facciamo trascorrere un altro quarto d’ora affinché gli ingredienti utilizzati agiscano ed infine tiriamo lo scarico. Facendo così per due o tre volte al mese riusciremo a tenere alla larga la muffa ed a sbiancare il fondo del nostro wc. Una valida alternativa è costituita da dell’acqua ossigenata, da spruzzare direttamente sulla muffa o sulle macchie e strofinando dopo una mezzora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.