Mettere la carta stagnola nel telecomando, perché lo farai sempre

Perché mettere la carta stagnola nel telecomando potrà farci risparmiare soldi, tempo e pazienza. Se queste cose non funzionano fai così.

Una persona usa un telecomando
Una persona usa un telecomando (Foto Pixabay Inran)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Mettere la carta stagnola nel telecomando, qual è il significato di questa azione? Si tratta di un modo per proteggerli. Nel caso specifico ad esempio di un telecomando possiamo fare ricorso anche alla pellicola trasparente, allo scopo di garantire continuità nell’uso quotidiano continuato.

Inoltre questo ci consentirà di dotare tale accessorio tecnologico di una buona barriera contro eventuali urti e cadute, tali da farlo rompere. Ma per quanto riguarda il mettere la carta stagnola negli oggetti quali sono le motivazioni altrettanto valide che andrebbero parimenti seguite?

Siamo soliti avvolgere gli oggetti nella carta stagnola quando si tratta di alimenti. La pellicola in alluminio infatti è indicata per la conservazione nel breve periodo (e mai per giorni e giorni, visto che sussiste il rischio di migrazione di metalli dall’alluminio stesso al cibo, n.d.r.) di tutto quello che abbiamo intenzione di consumare nel breve periodo, sia riponendolo nel frigorifero che nel congelatore. Ma non mettere la carta stagnola nel telecomando.

Mettere la carta stagnola nel telecomando, a cosa serve

Un pezzetto di pellicola di alluminio nel telecomando
Un pezzetto di pellicola di alluminio nel telecomando (Foto screenshot YouTube)

Ma possiamo avvolgere anche degli oggetti di uso comune nella stagnola. Con una utilità che mai avremmo immaginato prima. Parliamo infatti delle chiavi dell’auto, dello stesso telecomando ed anche di altra roba indispensabile e che utilizziamo tutti i giorni.

Ci deve però essere un minimo comune multiplo, tra tutti questi accessori. E cioè che devono avere al loro interno delle pile. Potrebbe succedere di constatare come le suddette pile “ballino” all’interno del loro vano. Ebbene, possiamo risolvere questo problema proprio con la carta stagnola.

infatti dovremo collegare un polo delle stesse con le parti del dispositivo dove avviene il contatto. Ed anche quando saranno scariche, le pile continueranno a funzionare per un po’. Per conferire una aderenza maggiore possiamo anche piegare un pezzetto di stagnola, che è dotata di una capacità di fare da conduttore elettrico.

Se i nostri telecomandi di qualsiasi tipo non dovessero funzionare, attuando questo trucchetto potremo constatare come riusciranno a tornare a nuova vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.