Funerale green: concime organico fatto con le ceneri del defunto

La società Recompose trasforma i resti di un defunto in concime organico, i propri cari aiuteranno l’ambiente: il funerale green.

funerale ecologico
Capsula-della società Recompose (foto profilo Instagram Recompose)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Svolta in California, pochi giorni fa è stata firmata una nuova legge. Al via il funerale green, ossia una sepoltura ecologica. Ai residenti sarà consentita una sepoltura naturale dopo il decesso. Che cosa significa? Si tratta di un processo definito “riduzione organica naturale”, attraverso il quale un corpo viene trasformato in concime organico.

Si tratta di una trasformazione in compost organico naturale, ricco di nutrienti, dove il corpo umano, dopo il naturale degrado, viene mescolato con il terreno. La legge entrerà in vigore a partire dal 2027 e sta già raccogliendo tantissime firme. Una rivoluzione per quanto riguarda le sepolture, chiamata “Ecological Death Care”.

La trasformazione del corpo in concime naturale: il funerale ecologico

trasformazione defunto concime
Il ciclo del funerale green (foto Instagram Recompose)

La California appoggia dunque il funerale eco-friendly, la legge è stata approvata e firmata dal Governatore Gavin Newsom. La trasformazione del corpo in organico è la soluzione più sostenibile e naturale, rispettosa per l’ambiente. La sepoltura dei propri cari direttamente nel terreno, dopo la trasformazione in concime organico, rappresenta il futuro della sepoltura.

E così, la California si aggiunge a tutti gli altri Stati americani ad appoggiare il funerale green. La società Recompose afferma che in questo modo, i propri cari, aiuteranno l’ambiente attraverso una sepoltura ecologica. La sepoltura, in questo caso, assomiglia al compostaggio degli scarti vegetali.

sepoltura ecosostenibile
Corpo trasformato in concime (foto Instagram Recompose)

Il corpo viene posizionato in una bara fatta di trucioli di legno, erba medica e paglia. Nel giro di poche settimane, i microbi scompongono il corpo, trasformandolo in compost. In questo modo, si possono spargere le “ceneri” dei propri cari direttamente nel terreno, in qualsiasi luogo naturale, anche nel giardino di casa, alimentando il suolo.

Un metodo alternativo e affascinante per smaltire il corpo, alimentando con sostanze nutritive e naturali il terreno e riducendo le emissioni nell’atmosfera. Infatti, la sepoltura classica rilascia nel suolo sostanze chimiche, mentre la cremazione richiede la combustione di combustibili fossili. Un’idea romantica di sepoltura, in questo modo si potrà nutrire la terra e magari dare origine a una nuova vita: una bella piantina, generata dai resti dei nostri cari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.