Il forno tornerà a splendere: ti serve solo un “ingrediente” naturale che hai in cucina

Come pulire il forno a fondo: alcuni consigli pratici per una pulizia meticolosa, ma veloce. Tutti i dettagli.

Forno (Pexels)

Gli articoli più letti di oggi:

Il forno è uno di quegli elettrodomestici che hanno la capacità di trasformarsi rapidamente in una scena del crimine culinaria.

Ci sono le colature di bistecca che si sono accumulate in una pozza di fango sul fondo, una patatina fritta che è scivolata attraverso la rastrelliera e si è essenzialmente trasformata in puro carbone, e la pellicola di grasso sul vetro che vi ha impedito di sbirciare nel forno per mesi. Vediamo come pulirlo in poche semplici mosse.

Come pulire il forno in modo rapido e veloce

Gli esperti raccomandano di pulire il forno almeno ogni tre-sei mesi, o più spesso se necessario. È inoltre consigliabile effettuare una pulizia a campione nel corso del mese.

Forno in funzione (Canva)

Maggiore è la manutenzione del forno, più facile sarà il processo di pulizia. Oltre a rendere l’incombenza più sopportabile, un forno relativamente pulito consente anche di ottenere cibi più gustosi e meno germi. Vediamo ogni passaggio necessario per una corretta pulizia.

1) Utilizzate la funzione autopulente

Sembra quasi troppo bello per essere vero, ma molti forni moderni sono dotati di una funzione di autopulizia. Il ciclo di autopulizia è una funzione che fa risparmiare tempo. Durante il ciclo di pulizia, il forno viene riscaldato a circa 400°.

A questa temperatura, il cibo all’interno del forno si incenerisce, lasciando una piccola quantità di cenere. La cenere residua si elimina facilmente con un panno umido.

Secondo gli esperti, l’autopulizia è di gran lunga il modo più semplice per pulire un forno. È anche uno dei modi migliori per pulire un forno se non si vuole ricorrere a detergenti chimici per forni o a detergenti fai-da-te. Lo svantaggio principale è che il forno si blocca per tre o cinque ore e sprigiona un forte calore, il che non è ideale nei mesi più caldi.

Inoltre, può produrre un odore sgradevole e, durante il processo, è necessario tenere gli animali domestici e se stessi fuori dalla cucina.

Non si devono usare detergenti per forni commerciali o fodere per forni all’interno o intorno a qualsiasi parte di un forno autopulente, perché danneggiano il rivestimento smaltato del forno. Inoltre, a seconda del modello di forno, potrebbe essere necessario rimuovere le teglie e i ripiani.

Potrebbe essere necessario effettuare l’autopulizia del forno più di una volta per rimuovere il grasso e le macchie realmente presenti, e potrebbe essere necessario un po’ di olio di gomito per eliminare i residui.

2) Usate un detergente per forno acquistato o fai da te

Se volete pulire il vostro forno senza detergenti per forni, potete creare un detergente naturale con bicarbonato di sodio, aceto e acqua.

Un ottimo detergente per forni fatto in casa è una combinazione di bicarbonato di sodio e acqua. Il bicarbonato di sodio agisce come un abrasivo e l’acqua ammorbidisce le incrostazioni e scioglie le particelle di cibo.

Formate una pasta, applicatela abbondantemente sulle superfici interne del forno e lasciatela agire per almeno 20 minuti (idealmente più a lungo) per eliminare il cibo bruciato.

3) Rimuovere e mettere a bagno i ripiani

Indipendentemente dal tipo di forno, il modo migliore per pulire le griglie metalliche è rimuoverle completamente dal forno e immergerle in acqua bollente con un po’ di detersivo per lavastoviglie.

La vasca da bagno è un luogo adatto per immergere le cremagliere del forno, anche se è consigliabile pulire la vasca dopo. Dopo l’ammollo di due ore, strofinate le rastrelliere con una spazzola rigida, sciacquatele e asciugatele prima di rimetterle nel forn”.

4) Aggiungete del bicarbonato di sodio per eliminare le macchie più ostinate

Invece di far bollire l’acqua, potete usare la miscela di bicarbonato e acqua con l’aceto spray. Il segreto è lasciarla riposare abbastanza a lungo perché gli ingredienti facciano la loro magia, in modo che lo sfregamento sia minimo.

5) Usate uno straccio in microfibra per pulire le manopole

Un semplice straccio in microfibra umido usato sopra e intorno alle manopole è sufficiente. Se il lavoro lo richiede, utilizzare uno straccio con un po’ di sapone o un panno monouso.

6) Evitate di spruzzare direttamente sulle manopole

Shimek raccomanda di non spruzzare direttamente le manopole del forno con un detergente domestico. Il liquido potrebbe penetrare dietro le manopole e gli interruttori e mandare in cortocircuito il pannello di controllo. Invece, spruzzate uno straccio con un detergente liquido e strofinate i comandi per evitare un cortocircuito.

Come pulire le porte del forno in vetro

La porta in vetro del forno richiede un approccio più delicato rispetto ai ripiani, poiché il vetro è più soggetto a graffi. Ciò significa evitare prodotti abrasivi e utilizzare una tecnica di sfregamento meno aggressiva.

Per pulire il vetro della porta del forno senza graffiarlo, mescolate bicarbonato di sodio e acqua per ottenere una pasta densa. Spalmate generosamente la pasta sul vetro e lasciatela riposare per 20 o più minuti.

Dopo, pulire delicatamente la pasta con un panno in microfibra, risciacquare abbondantemente con acqua e lucidare a fondo per ottenere una lucentezza brillante”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.