Non sai mai qual è il frutto migliore? Ti svelo un piccolo segreto che ti tornerà molto utile

Cortilia, il mercato agricolo online, fornisce alcuni preziosi consigli per riconoscere il frutto migliore, fresco a maturo al punto giusto.

riconoscere frutta matura buona
Spesa al mercato (Pixabay)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

Riconoscere il periodo migliore di maturazione di un frutto non è semplice. L’aspetto, talvolta ci inganna. Un frutto sembra bello e succoso, e invece, quando poi lo si va ad aprire e gustare, non è di grande bontà. Occorre riconoscere quando un frutto è buono davvero, giunto al punto esatto di maturazione. Cortilia, il mercato agricolo online, fornisce alcuni consigli da tenere a mente.

Quando ci rechiamo al supermercato e ci dirigiamo al reparto della frutta, dobbiamo aguzzare la vista. I trucchi forniti da Cortilia sono tutti semplici, ad esempio, la prima regola da seguire è controllare bene il colore del frutto. Sembra scontato, ma questo potrebbe ingannarci facilmente, ed è un ottimo indicatore della qualità e della freschezza di un prodotto.

I consigli per individuare e per acquistare il frutto migliore al supermercato

frutto fresco maturo aspetto
Cesta di frutta fresca (Pixabay)

Il colore, come accennato, è importante. Questo è un indicatore della bontà del frutto da comprare. Se questo è troppo verde, significa che è ancora troppo acerbo, mentre se possiede colori accesi e uniformi, c’è una buona probabilità che sia fresco e succoso. Ma il controllo non si deve limitare al colore, sarebbe troppo scontato.

Altro particolare da osservare è il picciolo. La sua presenza è importante, perché previene l’attacco batterico e protegge il frutto. Inoltre, ci aiuta a determinare l’età del frutto stesso. Se non c’è, meglio non acquistare la frutta. Se il picciolo c’è ed è verde, significa che la raccolta è avvenuta da poco, quindi è un bene, perché è sinonimo di freschezza del frutto.

Quando il picciolo è secco e raggrinzito, meglio evitare l’acquisto, perché significa che il frutto sta lì da diversi giorni. Nonostante il bell’aspetto, magari è già insapore. Anche la consistenza è fondamentale, la frutta fresca, solitamente, deve essere compatta, non troppo dura, che significa acerba, e nemmeno troppo molliccia, che indica deperimento.

Il profumo è un altro indicatore della qualità della frutta. Ad esempio, un melone si riconosce anche dal suo odore. Tuttavia, qualsiasi frutto deve emanare un buon profumo. Infine, la stagionalità. Ormai, con la globalizzazione, siamo abituati ad avere a disposizione ogni tipo di frutto e in qualsiasi periodo dell’anno. Tuttavia, i migliori frutti sono sempre quelli di stagione, perché non sottoposti a stress e ricchi di proprietà rispetto a quelli importati da chissà dove.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.