Ictus: il gruppo sanguigno potrebbe essere un fattore determinante, lo studio

Secondo gli esperti, potrebbe esserci una relazione tra gruppo sanguigno e la probabilità di contrarre ictus sotto i 60 anni. Tutti i dettagli.

Ictus (Pexels)

Gli articoli più letti di oggi:

Alcuni ricercatori hanno eseguito uno studio di associazione genomica. I dati hanno incluso le ricerche di 48 studi, analizzando alla fine i dati di 16.730 casi di ictus e 599.237 partecipanti di controllo non affetti da ictus. Includendo tutto nell’analisi, l’associazione maggiore per il rischio di ictus era legata ai gruppi sanguigni A e O.

Rischio ictus: più probabile con certi gruppi sanguigni

Lo studio ha rilevato che le persone con sangue di tipo A presentano il rischio più elevato di ictus precoce. Le persone che hanno avuto un ictus avevano anche una maggiore probabilità di avere sangue di tipo B rispetto al gruppo di controllo. Al contrario, le persone con sangue di tipo O presentavano un rischio ridotto di ictus, compreso quello ad insorgenza precoce.

Disagio (Pexels)

Questo rischio di ictus potrebbe essere correlato a un maggiore rischio di formazione di coaguli di sangue tra le persone con sangue di tipo A.

Il dottor Braxton D. Mitchell, autore dello studio e professore presso i dipartimenti di medicina e di epidemiologia e sanità pubblica dell’Università del Maryland, ha riferito al Medical News Today i seguenti punti salienti dello studio:

“Abbiamo confrontato le differenze genetiche tra 16.730 giovani adulti con ictus ischemico e 600.000 controlli non affetti da ictus e abbiamo trovato differenze significative tra i due gruppi nella frequenza delle varianti geniche che codificano per il gruppo sanguigno ABO.”

In particolare, i casi avevano più probabilità dei controlli di avere varianti che codificano per il gruppo sanguigno A e meno probabilità di avere varianti che codificano per il gruppo sanguigno.

Il Dr. Mitchell ha inoltre spiegato che i risultati indicano che i gruppi sanguigni possono essere un fattore di maggiore predisposizione all’insorgenza precoce dell’ictus, forse aumentando la suscettibilità alla trombosi.

I ricercatori hanno dunque scoperto che i gruppi sanguigni A e O erano anche più fortemente associati all’insorgenza precoce rispetto al tromboembolismo venoso (TEV) a insorgenza tardiva, un’altra condizione pro-trombotica. Al contrario, anche il rischio genetico di TEV era più fortemente associato all’insorgenza precoce rispetto all’insorgenza tardiva dell’ictus.

Come ridurre il rischio di ictus

Sebbene non sia possibile modificare il proprio gruppo sanguigno, esistono altri fattori di rischio di ictus che possono essere controllati per ridurre il rischio. Per esempio, l’ipertensione, il diabete mellito, i livelli elevati di colesterolo, il fumo e l’obesità sono tutti fattori di rischio per l’ictus.

Le persone possono adottare misure per modificare questi fattori di rischio e ridurre così il rischio di ictus anche se hanno un gruppo sanguigno più suscettibile all’ictus.

Per esempio, le persone possono seguire una dieta sana e fare esercizio fisico regolare per ridurre il rischio di ictus. Le persone possono essere in stretto contatto con i loro medici e con altri professionisti del settore medico per spingersi verso uno stile di vita sano e affrontare potenziali problemi di salute.

Se qualcuno ha un battito cardiaco irregolare, è fondamentale rivolgersi immediatamente a un medico, perché alcune condizioni cardiache possono aumentare la possibilità di avere un ictus.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.