Per una cacio e pepe super cremosa, è questo il passaggio fondamentale da seguire

La pasta cacio e pepe è uno dei vanti della cucina Italiana, in particolare della tradizione romana: ecco come renderla super cremosa.

preparare crema cacio pepe
Pasta cremosa cacio e pepe (foto Instagram profilo nino77ns)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI:

È uno dei vanti della cucina italiana, in particolare della tradizione romana, la pasta cacio e pepe è un piatto meraviglioso, apparentemente semplice da preparare, ma non è proprio così. Non è semplice riuscire a creare quella succulenta cremina che stimola le papille gustative, e spesso viene fuori una pasta troppo asciutta e secca.

Si tratta di uno dei piatti più amati in assoluto, costituito da tre semplicissimi ingredienti, ma che mette alla prova tutti gli chef. Pasta, lunga o corta, un pizzico di pepe e pecorino, messi insieme possono nascondere diverse insidie. Ma come preparare una pasta super cremosa? Basta seguire alcuni accorgimenti e non saltare un passaggio importantissimo. Gli esperti rivelano alcuni segreti.

Come preparare la pasta cacio e pepe super cremosa: i consigli degli chef

preparazione tonnarelli cacio pepe
Cacio e pepe al centro di Roma (foto Instagram profilo sweetlifeofmimi)

Questo tipo di pasta dal gusto intenso deve basarsi sull’equilibrio degli ingredienti, ogni chef ha il suo segreto e la prepara a modo proprio, amalgamando gli ingredienti come proferisce. Ad esempio, qualcuno è solito preparare prima la cremina, per poi bilanciare il tutto con calma. Quando si aggiunge la pasta, basta solo mescolare e aggiungere o bilanciare ciò che manca.

In effetti, questa potrebbe essere una buona tecnica. Altri segreti svelati sono: munirsi di un buon pecorino romano, stagionato massimo 24 mesi, altrimenti risulta troppo forte al palato. Il sale, invece, deve essere aggiunto più tardi, a metà cottura della pasta, quando questa ha già iniziato a rilasciare amido.

In questo modo si evita troppo condimento di sale. Alto consiglio prezioso, il pepe nero deve essere macinato fresco, e a scaglie grandi, in modo tale che possa sentirsi sotto i denti. Se non si riesce a creare la crema, significa che la stagionatura del pecorino non è quella giusta. Questa solitamente deve essere di 7/8 mesi.

Inoltre, deve esserci equilibrio tra pasta e crema. La crema è densa, non è un sugo, quindi, si deve afferrare, non deve rimanere nel piatto. Inoltre, quando si unisce il pecorino, l’acqua di cottura non deve essere bollente, altrimenti il formaggio si scioglie.

Alcuni chef hanno una tecnica speciale per mettere il formaggio. Quando lo grattugiano, utilizzano la parte interna, più umida e morbida, per mantecare, formando la cremina, mentre la parte più esterna, più asciutta, viene impiegata alla fine per decorare il piatto. Quando si scola pasta, si deve eliminare tutta l’acqua, altrimenti il formaggio si scioglie troppo e perde fragranza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.