Richiamo alimentare: allerta prosciutto per rischio microbiologico

Ancora è allarme batterio Listeria monocytogenes, il prodotto interessato questo volta è un lotto di prosciutto: tutti i dettagli del richiamo alimentare.

rischiamo prosciutto
Prosciutto (Canva)

Il batterio Listeria monocytogenes non ha ancora finito di colpire. Dopo la porchetta di pochi giorni fa, anche un altro salume è stato contaminato da questo batterio. La notizia ufficiale è uscita tramite il sito ufficiale del Ministero della Salute e di seguito sono riporati tutti i dettagli per quanto riguarda il richiamo alimentare.

Listeria monocytogenes colpisce ancora: richiamo alimentare per prosciutto

scheda richiamo prosciutto
Scheda richiamo alimentare (Screen Ministero della Salute)

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DI OGGI:

La scheda del richiamo alimentare è stata compilata in data 13 ottobre 2022 ed è stata pubblicata sul sito del Ministero della Salute il 18 ottobre. Il salute in questione questa volta è il Prosciutto cotto Alta Qualità 150 grammi del marchio Sapor di Cascina, commercializzato da Penny Market Srl.

La contaminazione è avvenuta presso l’azienda che produce il prosciutto Motta Srl, situata in Via Capuana n. 44 20825 Barlassina (MB), avente codice identificativo IT679L CE. Il lotto in cui è stato riscontrato il batterio è il numero 223467 con scadenza fissata al 20/10/2022.

Il motivo del richiamo alimentare, come accennato, è di natura microbiologica, ovvero è stata riscontrata la presenza del batterio Listeria monocytogenes all’interno del lotto indicato.  Tra le avvertenze riportate sulla scheda del richiamo alimentare, si avvertono i clienti i quali avessero acquistato tale prodotto di non consumarlo e restituirlo al punto vendita per la sostituzione o rimborso entro il 20/10/2022.

In queste ultime settimane si è preso famigliarità con questo batterio ma è sempre un bene ricordarne la pericolosità. Infatti il Listeria monocytogenes, non presenta rischi per gli adulti sani tuttavia potrebbe diventare un problema per le persone con più di 65 anni, quelle con un sistema immunitario debole e per le donne in gravidanza. I sintomi includono: febbre, rigidità muscolare, mal di testa, spossatezza, perdita di peso e convulsioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.