5 segnali che ti fanno capire chiaramente che una persona è sociopatica

5 segnali che ti fanno capire chiaramente che una persona è sociopatica e come salvaguardarsi da questo genere di persone

Sociopatia come riconoscerla
Sociopatia (Pixabay)

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI DI OGGI->

A differenza di uno psicotico, un sociopatico ha difficoltà ad adattarsi ai normali standard etici e morali del mondo in cui vive. Non riconoscendo categorie assoluto di giusto e sbagliato, si capisce facilmente come questo possa sfociare in comportamenti anche criminali o pericolosi o lesivi. Questo vale per gli altri, ma anche per il soggetto stesso che mostrerà una staordinaria tendenza a sviluppare tendenze di dipendenza

Segnali per capire che sei davanti ad un sociopatico

Sociopatia definzione
Categorie assolute (Pixabay)

Le informazioni di seguito riportate sono da riferirsi ad un articolo pubblicato su cnbc dal dottore david j. Lieberman, un grande esperto della psiche individuale e delle relazioni interpersonali. Le informazioni possono risultare sensibilmente utili quando si tratta di riconoscere questa categoria di disturbo, molto più difficilmente definibile rispetto ad una persona psicopatica o psicotica. I sociopatici, proprio per la loro difficile definizione, di cui prima si è tentata la via, possono risultare particolarmente insidiosi. Motivo per il quale, quando ti accorgi di essere in relazione con un sociopatico, è sempre utile rivolgersi ad un gruppo di supporto o ad un esperto che possa aiutarti. Evita di muoverti in autonomia perché questi soggetti possono risultare anche bruschi o violenti, specie quando si sentono minacciati o quando sentono di star perdendo il controllo sul loro oggetto.

Ma come riconoscere un sociopatico? I seguenti tratti possono aiutarti, anche se non bastano da soli a completare il profilo piscologico del disturbo. Un sociopatico può risultare a primo impatto una persona particolarmente empatica, altruista. Lo fa per carpire la fiducia altrui, per rendere l’altro in sua balia. Egli apparirà falso, per non avere sviluppato un’identità propria, se non la volontà legata ai suoi stessi impulsi. Non esistono categorie assolute, neppure quella di bene o di male.

Si ha spesso l’impressione che l’intero cosmo gli sia subordinato: importa la sua volontà. Se quel che vuole fare ferirà qualcuno, questo non ha per lui alcuna importanza. Non mostra neppure rimorsi o sensi di colpa. Cerca spesso di convincere gli altri: assume spessissimo l’atteggiamento del venditore, che deve persuadere gli altri che quel che dice sia vero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.