Svolta per chi soffre di tumore al seno: quando sarà disponibile il nuovo farmaco

Tumore al seno: novità da parte della comunità scientifica, ecco quando sarà finalmente disponibile il nuovo farmaco.

Tumore al seno (Canva)

Una ricerca guidata dal Dr. Suresh Alahari, Professore di Biochimica presso la LSU Health New Orleans’ Schools of Medicine and Graduate Studies, riferisce che la combinazione di una nuova piccola molecola inibitoria e di un farmaco chemioterapico approvato dalla FDA sopprime in modo sinergico la crescita delle cellule del cancro al seno triplo-negativo.

Sembrerebbe dunque che un nuovo farmaco contro il tumore al seno sia in via di sviluppo per poter essere finalmente testato e messo in commercio.

Nuovo farmaco contro il tumore al seno: di cosa si tratta

Il 5 agosto 2022, la FDA ha approvato la prima terapia mirata per le pazienti con tumore al seno HER2-low che si è diffuso in altre parti del corpo e non può essere rimosso chirurgicamente. Il farmaco, trastuzumab deruxtecan (T-DXd), è stato approvato sulla base di uno studio clinico guidato dall’oncologo medico senologo del Memorial Sloan Kettering Cancer Center (MSK) Shanu Modi, che ha presentato i risultati al meeting dell’American Society of Clinical Oncology (ASCO) di quest’anno.

Tumore (Canva)

GLI ARTICOLI PIÙ LETTI DI OGGI:

“I risultati di questo studio cambiano la pratica e ridefiniscono il modo in cui verrà trattata un’ampia popolazione di pazienti con malattia metastatica”, afferma la dottoressa Modi. Sebbene questo studio si sia concentrato su pazienti con tumore al seno, riteniamo che questi risultati possano avere implicazioni anche per il futuro trattamento di persone con altri tipi di tumore che esprimono HER2 a bassi livelli.

Segui i nostri video e le nostre storie su Instagram 

Finora, la terapia mirata a HER2 non ha avuto successo nel trattamento dei tumori a basso livello di HER2. La terapia mirata funziona identificando e attaccando con precisione determinati tipi di cellule tumorali, senza uccidere le cellule normali, con conseguenti minori effetti collaterali.

Nel primo studio di questo tipo, i ricercatori hanno somministrato T-DXd (noto anche come Enhertu), che ha come bersaglio una proteina chiamata HER2. I risultati hanno dimostrato che le pazienti hanno ottenuto risultati significativamente migliori rispetto a quelle che hanno ricevuto la chemioterapia standard. Il farmaco mirato ha tenuto sotto controllo il cancro quasi due volte più a lungo e ha aumentato la sopravvivenza di circa il 35%.

I risultati di questo studio internazionale e multicentrico, chiamato DESTINY-Breast04, risalgono  al 5 giugno 2022 sul New England Journal of Medicine (NEJM).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.