Sta’ in guardia: se noti questo problema all’udito, potrebbe essere sintomo di una grave malattia

Il manifestarsi di un costante e cronico problema all’udito può essere un segnale importate, come confermato da uno studio. Potrebbe sorgere qualcosa di grosso, purtroppo.

Una donna anziana che non sente bene
Una donna anziana che non sente bene (Foto Canva)

Problema all’udito? Le cause del sorgere di difetti persistenti alle orecchie possono essere diversi. Si tratta di deficit fisici che sono legati all’età ma anche al sorgere di possibili malattie. E c’è uno studio condotto di recente da parte della Alzheimer Association e di altri accademici che ha confermato dei collegamenti con questa malattia.

Un problema all’udito può difatti indicare, in alcuni casi, la presenza di una malattia neurodegenerativa nelle sue prime fasi. Con il morbo di Alzheimer in particolare ad essere stato osservato da alcuni ricercatori della britannica Università di Oxford, i quali hanno sottoposto ad osservazioni dettagliate più di 80mila persone con una età minima di 60 anni.

I cambiamenti percettivi ed il manifestarsi di un problema all’udito hanno indicato, nel corso di questo studio, l’aumento delle possibilità di potere essere colpiti da demenza in età avanzata. Entrando più nel dettaglio, coloro che non riuscivano a distinguere il parlato in ambienti rumorosi hanno poi presentato un rischio maggiore di contrarre la malattia citata.

Problema all’udito, i collegamenti individuati con l’Alzheimer

Un uomo che non sente bene
Un uomo che non sente bene (Foto Canva)

Va detto che si tratta di rilevazioni preliminari. Ma lo stato generale indicativo di quanto osservato ha mostrato questa precisa tendenza. Del resto già nel 2017 si era parlato di perdita dell’udito come una delle spie in grado di avvertirci del possibile sorgere della demenza.

ANCHE QUESTO ARTICOLO POTREBBE PIACERTI -> Quanti passi fare per tenersi sani e in forma? Il numero è così piccolo che non riuscirai a crederci

ANCHE QUESTO ARTICOLO POTREBBE PIACERTI -> Cammina così in casa e sarà un vero toccasana per il tuo corpo: dovresti cominciare subito

In media è stato stimato che chi aveva mostrato i problemi maggiori nel distinguere i suoni è risultato esposto del 50% in più al rischio di contrarre una malattia neurodegenerativa rispetto a chi invece non ha avuto di questi problemi. Lo studio è avvenuto su una base di undici anni, con alla fine 1285 persone che effettivamente sono state colpite da demenza.

ANCHE QUESTO ARTICOLO POTREBBE PIACERTI -> Bisogna davvero sudare per dimagrire? Scopriamo cosa dice la scienza, forse non lo sai

NON PERDERTI I NOSTRI VIDEO E LE NOSTRE STORIE SU INSTAGRAM E TIK TOK

Se ne evince che fare prevenzione su problemi all’udito può essere utile per cercare di prevenire l’Alzheimer ed altre gravi patologie simili. Infatti il manifestarsi in maniera cronica di queste problematiche deve accendere una spia di allarme nell’ambito della prevenzione di tali malattie. Resta da vedere se la cosa interessa esclusivamente soggetti in età avanzata o se potrebbe riguardare anche persone più giovani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.