Cos’è il glutammato, in quali cibi si trova e se è davvero dannoso per il nostro corpo

Di glutammato si sente spesso parlare male, ma in realtà è davvero dannoso per il nostro corpo? Cerchiamo di capire in che cosa consiste questa sostanza e in quali alimenti si può trovare.

glutammato
Alimenti in cui potrebbe esserci il glutammato (Canva)

Di solito usato per insaporire il cibo, il glutammato lo si può trovare nei cibi industriali come additivo, e a volte anche come ingrediente (ad esempio per fare il dado da cucina), ma fa davvero male come si sente molto spesso dire?

Per capire se il glutammato è dannoso per il corpo, cerchiamo prima di fare luce su che cos’è nello specifico tale sostanza e in quali cibi la si può trovare.

Il glutammato è davvero dannoso per il corpo? La risposta

ragazza confusa
Ragazza che si chiede se il glutammato è dannoso per il corpo (Canva)

Il suo nome per intero è glutammato monosodico e si tratta del sale di sodio dell’acido glutammico, ossia un componente delle proteine con cui non va però confuso. Le sue origini sono molto antiche perché la prima estrazione di tale sostanza risale al 1908 presso l’Università di Tokyo, quando venne ricavato da un alga marina (kombu) da parte di un chimico.

A partire dagli anni ’20 questa sostanza venne industrializzata, grazie anche ai nuovi metodi estrattivi che si diffusero, fino a diffondersi negli anni 30′ all’interno dell’industria alimentare. Da quel momento viene impiegata in forma sintetica per esaltare i sapori degli alimenti, in modo tale da spingere i consumatori all’acquisto, soprattutto degli alimenti conservati che in questo modo risultano essere molto più appetibili.

In quali alimenti si trova il glutammato?

ragazza dubbiosa
In quali alimenti si trova il glutammato? (Canva)

DAI UN’OCCHIATA A QUESTO CONTENUTO —> Whatsapp avvisa: “account sospeso”, ecco cosa fare per risolvere ogni cosa

Il suo aspetto assomiglia tanto allo zucchero, perché ha le sembianze di una polvere bianca fine. Ma in quali alimenti lo si può trovare? Nei formaggi stagionati, carni e vegetali, tra i quali i funghi, pomodori, legumi e alghe commestibili. Ma anche nei salumi, nei prodotti surgelati, salse e sughi. La quantità maggiore è riscontrata nei dadi da cucina, dove praticamente spicca come secondo ingrediente dopo il sale per quantità. La cucina orientale rimane la principale per quanto riguarda l’utilizzo del glutammato negli alimenti.

In che modo il glutammato potrebbe essere dannoso per il corpo

Ora che abbiamo chiarito di che cosa si tratta, cerchiamo di rispondere alla domanda che più ci preme: il glutammato è dannoso per il corpo? Tanti sono i dibattiti che si sono incentrati su questa questione, ma ciò che ci può rassicurare è che gli organismi autoritari in materia, quali l’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA), l’Organizzazione mondiale della Sanità (OMS) e l’European Food Information Council, non considerano tale sostanza come dannosa.

Segui i nostri video e le nostre storie su Instagram e TikTok

Di contro, è anche vero che molto dipende dalle dosi presenti all’interno dei cibi industriali. Non sono infatti mancate critiche in merito, in particolare sulle reazioni negative che potrebbero comportare. E secondo diversi studi, queste sono le conclusioni a cui si è giunti:

DAI UN’OCCHIATA A QUESTO CONTENUTO —> 3 metodi per capire se qualcuno ti sta spiando su Whatsapp e come fermarlo

  • non vi sono particolari rischi sul cervello;
  • sono del tutto esclusi i rischi per il feto, dato che il glutammato non è in grado di attraversare la placenta;
  • elevate quantità di glutammato potrebbero danneggiare la retina degli occhi secondo secondo questo studio pubblicato su Experimental Eye Research;
  • dopo aver fatto degli studi sui topi, si è giunti alla conclusione che il glutammato favorisce il diabete, l’ipertensione e l’obesità, perché influenza il metabolismo e quindi anche l’appetito;
  • per la presenza elevata di sodio al suo interno, il glutammato può aumentare la ritenzione idrica;
  • in caso di alte dosi di questa sostanza, potrebbero verificarsi intolleranze o allergie accompagnate da sintomi quali emicrania, tachicardia e nausea.

Dopo aver analizzato nel dettaglio i possibili rischi del glutammato sul corpo, c’è da dire non vi è una dose massima giornaliera consigliata, proprio perché l’OMS non ha considerato così nociva la sostanza. Secondo uno studio pubblicato sull’European Journal of Clinic Nutrition, invece, non vi sarebbe alcun rischio fino all’assunzione di 16 ml al giorno di tale sostanza per kg di peso corporeo. Si tratta però di una ricerca che necessita però di ulteriori conferme.

DAI UN’OCCHIATA A QUESTO CONTENUTO —> Stop al pagamento dei contributi in questi casi: arriva la notizia tanto attesa

In conclusione, si è dimostrato che in dosi limitate tale sostanza non è nociva, ma può esserlo se assunta in eccesso. E ora che sai in quali alimenti è contenuta, fai attenzione alla tua dieta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.