Vaccino contro l’influenza: a chi è consigliato e quando è possibile farlo

Con il freddo è arrivata, puntuale, anche l’influenza: per combatterla abbiamo il vaccino, ma quando è possibile farlo?

vaccinazione antinfluenzale
Ragazza giovane si vaccina (Canva)

Dopo un inizio di autunno caldo, che ha ereditato le temperature anomale dell’estate, finalmente il freddo è arrivato, riportando i valori nella media stagionale. Ma con il calo brusco delle temperature, la pioggia e l’umidità, sono arrivti, puntualissimi, anche i primi malanni stagionali. Milioni di italiani sono già stati colpiti dall’influenza.

Tra influenza comune e Covid, in tanti sono a letto, malati e alle prese con diversi problemi di salute. I medici raccomandano i soggetti più fragili di effettuare il vaccino influenzale, ma i dati sull’influenza sono abbastanza preoccupanti, poiché quest’anno è molto aggressiva. Il vaccino è la migliore arma per bloccarne l’aggressione.

A chi è rivolto il vaccino influenzale e perché bisogna farlo

vaccinazione influenza 2022
Vaccinazione influenzale (Canva)

Il vaccino per l’influenza è rivolto a tutti quanti, soprattutto ai soggetti più fragili e a rischio di patologie. Ad esempio, dovrebbero farlo tutte le persone che hanno problemi al cuore, ai polmoni, all’apparato circolatorio, ai reni, e molto altro ancora, e che soffrono di particolari disturbi.

CONTENUTI CHE POTREBBERO PIACERTI → Raffreddore: cosa devi fare (e non fare!) quando vieni contagiato

Ma non solo, anche gli individui di età avanzata, come ad esempio gli over 65, dovrebbero vaccinarsi. I medici consigliano la vaccinazione perché il virus dell’influenza, quest’anno, è molo aggressivo e in grado di diffondersi rapidamente. Aggredisce soprattutto la gola, provocando anche brutte faringiti, e le vi respiratorie.

CONTENUTI CHE POTREBBERO PIACERTI → Uova e colesterolo alto: quello che devi sapere se vuoi davvero stare bene

vaccino soggetti rischio
Sintomi influenzali (Canva)

La vaccinazione antinfluenzale è sempre più personalizzata, per questo motivo, prima di effettuarla, bisogna contattare il proprio medico. Questo per evitare, soprattutto per i soggetti più anziani, il fenomeno dell’immunosenescenza, ossia una ridotta risposta difensiva che rende meno efficace l’azione del vaccino.

CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM E SEGUI I NOSTRI VIDEO E LE NOSTRE STORIE SU INSTAGRAM e TIKTOK

Il vaccino che solitamente si utilizza è quadrivalente, attivo sia per i due ceppi A che per i due ceppi B. Questo è il periodo decisivo per la vaccinazione, in questo modo, il corpo ha il tempo necessario per reagire e per creare gli anticorpi per tutto il resto dell’autunno e dell’inverno.

CONTENUTI CHE POTREBBERO PIACERTI → Bicarbonato di sodio: tutti i benefici che puoi avere se lo usi in questo modo geniale

Evitare i malanni stagionali non è semplice, tuttavia possiamo prevenire la contrazione e la diffusione del virus influenzale attraverso semplici regole, come ad esempio lavarsi sempre le mani, tapparsi bocca e naso quando si starnutisce o si tossisce. E ancora, se non siamo in forma, meglio restare a casa a riposo, piuttosto che andare in giro e stare a contatto con gli altri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.