Cambio di stagione: quali sono i sintomi da tenere d’occhio per riprenderti subito

Il cambio di stagione può causare l’insorgenza di malanni stagionali: ecco i sintomi più comuni e i rimedi più efficaci per tornare in forma.

Malanni stagionali
Donna con l’influenza (Fonte foto Canva)

L’arrivo del freddo e l’accorciarsi delle giornate sono fenomeni che possono avere un impatto negativo sul nostro organismo. Come si ripercuote il cambio di stagione sulla nostra salute e quali sono i sintomi a cui prestare attenzione per individuare sul nascere i piccoli malanni tipici di questo periodo? Scopriamo insieme tutto quello che c’è da sapere a riguardo.

Cambio di stagione: disturbi frequenti e sintomi

Influenza
Cambio di stagione: i sintomi (Fonte foto Canva)

Il cambio di temperatura tipico del passaggio alla stagione fredda mette a dura prova il nostro organismo: il sistema immunitario ne esce indebolito, rischiando di riuscire a far fronte meno efficacemente alle minacce degli agenti patogeni.

Quali sono i principali malesseri causati dal cambio di stagione?

In primo luogo, in questo elenco rientrano l’influenza e il raffreddore. È bene precisare che il freddo di per sé non è la causa di questi malanni. A contribuire alla loro insorgenza sono gli sbalzi di temperatura, l’aria secca degli ambienti riscaldati e la maggior permanenza delle persone in luoghi chiusi, che favorisce la circolazione dei virus.

POTREBBE PIACERTI ANCHE QUESTO ARTICOLO: Sarebbe questo il modo migliore per guarire dall’influenza e tornare subito in forma

Con il cambio di stagione, inoltre, è possibile anche riscontrare disturbi del sonno. Del resto, l’accorciarsi delle giornate ha effetti sul nostro cervello, in relazione alla produzione della melatonina, anche nota come ormone del sonno.

La luce, infatti, inibisce la produzione di tale sostanza, mentre il buio ne stimola la secrezione: per questo, siamo svegli e pimpanti durante il giorno e ci viene sonno di notte.

Tuttavia, l’alterato susseguirsi di luce e buio potrebbe scombussolare l’azione dell’epifisi, l’organo deputato alla stimolazione della melatonina.

LEGGI ANCHE: 3 cose che fai tutti i giorni e che ti provocano il mal di testa: incredibile scoperta

Infine, un ulteriore disturbo che potrebbe essere causato dal passaggio alla stagione fredda è a carico del sistema gastrointestinale: stipsi e diarrea, infatti, sono problemi comuni causati dall’alterazione della flora batterica, che a sua volta può essere provocata dagli sbalzi di temperatura, dal ritmo tra luce e buio e dallo stress.

Riassumendo, tra i principali sintomi di malessere che il cambio di stagione può determinare, ci sono:

  • Raffreddore;
  • Tosse;
  • Influenza;
  • Febbre;
  • Insonnia;
  • Letargia;
  • Stanchezza;
  • Mal di testa;
  • Difficoltà di concentrazione;
  • Diarrea;
  • Stitichezza.

I rimedi per combattere il malessere

Quali rimedi mettere in pratica per contrastare i malanni stagionali? In primo luogo, è bene evitare gli sbalzi di temperatura: non dovremmo impostare il riscaldamento della nostra casa a temperature eccessive e, allo stesso modo, bisognerebbe assicurarci che l’aria sia sempre composta da una percentuale di umidità compresa tra i 30% e il 60%.

Allo stesso modo, è consigliabile evitare di frequentare luoghi chiusi eccessivamente riscaldati e frequentati da un alto numero di persone. È molto più sana e benefica, invece, una bella passeggiata all’aria aperta. Il freddo, infatti, avrà un effetto temprante che ci donerà energia e vigore.

NON PERDERTI I NOSTRI VIDEO E LE NOSTRE STORIE SU INSTAGRAM E TIK TOK

Per fluidificare le vie aeree non c’è nulla di meglio che una bella tisana. Tra i gusti consigliati ci sono fiori di sambuco, zenzero e limone: questi ingredienti ci aiuteranno a combattere l’infiammazione e a placare la tosse.

Si tratta di un’ottima idea anche per la cura dei disturbi gastrointestinali. In questo caso, si consiglia di preparare una tisana a base di camomilla, dall’effetto lenitivo e calmante. Grazie alla sua azione, ci permetterà di riequilibrare la flora intestinale alterata.

CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM

E per i disturbi del sonno? Provate con l’aromaterapia: a seconda delle fragranze e degli oli essenziali, potrete trattare in modo naturale l’insonnia o l’affaticamento.

Nel caso in cui non riusciate a dormire, ad esempio, il profumo ideale è a base di lavanda, bergamotto e melissa. Per contrastare la stanchezza, invece, potrete optare per la menta piperita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.