Per dimagrire devi tenere sotto controllo questi ormoni: risultati incredibili

Se state cercando di dimagrire, dovreste sapere come funzionano gli ormoni e come influiscono sul tuo peso: ecco le informazioni da conoscere.

Perdere peso
Alimentazione sana e bilanciata (Fonte foto Canva – Inran.it)

La perdita di peso è determinata da una concomitanza di fattori, tra cui in primis ci sono un’alimentazione sana e bilanciata e uno stile di vita attivo. Anche gli ormoni svolgono un ruolo chiave, che permette di mantenere sotto controllo l’accumulo di grasso corporeo: ecco come influiscono sul metabolismo e tutte le informazioni da sapere a riguardo se state cercando di dimagrire.

Ormoni che possono influenzare il peso corporeo: quali sono e come funzionano

Allenamento fisico
Donna che fa sport (Fonte foto Canva -Inran.it)

Gli ormoni sono sostanze biochimiche essenziali per la vita: il nostro corpo le produce affinché contribuiscano allo svolgimento di numerose funzioni, indispensabili per il nostro benessere.

Alcuni ormoni si occupano specificatamente di regolare fame, sazietà, metabolismo e grasso accumulato o bruciato. Tra questi rientrano:

  • Cortisolo;
  • Insulina;
  • Ormoni tiroidei;
  • Leptina;
  • Grelina.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Come dimagrire dai 3 ai 5 kg in una settimana: ti guido verso la vittoria step by step

Il cortisolo, anche noto come ormone dello stress, ci fornisce l’energia necessaria per affrontare le emergenze. Infatti, si tratta della sostanza che il nostro organismo produce davanti alle situazioni di pericolo, facendo sì che il nostro corpo sia pronto alla fuga o all’attacco. Livelli troppo elevati di questo ormone possono causare l’accumulo di peso in eccesso, rallentare il metabolismo e aumentare il senso di fame.

L’insulina è un ormone prodotto dal pancreas, il cui ruolo è quello di mantenere regolare il livello di zuccheri nel sangue. Inoltre, essa è responsabile dell’immagazzinamento dei grassi nel tessuto muscolare e adiposo.

LEGGI ANCHE: Mangiare patate a dieta? Si può ma solo se le abbini con questi altri alimenti

Gli ormoni tiroidei sono prodotti dalla tiroide e regolano il metabolismo. Un malfunzionamento di questa ghiandola può causare la secrezione di quantità alterate di ormoni, rallentando il metabolismo e facendoci ingrassare indipendentemente da alimentazione e stile di vita.

La leptina è un ormone prodotto dalle cellule del tessuto adiposo, utile per constare il senso di fame e favorire quello di sazietà. Infine, la grelina è anche nota come ormone della fame: prodotta quando lo stomaco è vuoto, viene trasmessa al cervello, segnalando l’esigenza di mangiare.

Dimagrire mantenendo sotto controllo gli ormoni: ecco come

Come abbiamo visto, le funzioni degli ormoni sono numerose: la loro azione può influire largamente sul mantenimento del nostro peso corporeo.

Ci sono alcune cattive abitudini che rischiano di alterare la corretta funzionalità di queste sostanze biochimiche.

Una dieta non adeguatamente bilanciata rischia di aumentare i livelli di cortisolo, predisponendoci all’accumulo di peso in eccesso. Mangiare troppi zuccheri e grassi saturi, inoltre, può causare l’incremento del tasso di insulina nel sangue, esponendoci non solo al rischio di ingrassare, ma anche di sviluppare il diabete.

NON PERDERTI I NOSTRI VIDEO E LE NOSTRE STORIE SU INSTAGRAM E TIK TOK

Ad ostacolare il normale funzionamento della tiroide possono essere numerosi fattori, tra cui quelli di natura alimentare. L’eccessivo consumo di caffè, alcol e alghe essiccate, ad esempio, può alterare la produzione e l’azione degli ormoni tiroidei.

Infine, un’alimentazione scorretta può compromettere l’attività di leptina e grelina, riducendo il senso di sazietà e inducendoci a mangiare più del necessario.

CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM

Per dimagrire, quindi, è essenziale rivolgersi a un professionista della nutrizione, che possa pianificare un regime alimentare bilanciato, formulato sulla base di fattori personali come età, stile di vita e condizioni di salute.

Le diete fai da te, infatti, rischiano di alterare il funzionamento degli ormoni, rivelandosi non solo controproducenti, ma persino dannose.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.