Se vedi del sangue quando ti lavi i denti potrebbe essere un chiaro segnale: non sottovalutarlo

Quando preoccuparsi se noti del sangue quando ti lavi i denti. A che cosa può essere ricondotta la cosa, quali sono i sintomi e quali le possibili cure.

Una donna con problemi di gengive sanguinanti
Una donna con problemi di gengive sanguinanti (Foto Canva – Inran.it)

Sangue quando ti lavi i denti, a che cosa può essere ricondotta la cosa? Si potrebbe trattare di una semplice lesione, cosa che può capitare, e che in genere si risolve da sola già dopo un solo giorno fino ad impiegarne qualcuno in più. Basterà solo non sollecitare la parte interessata ed agire molto delicatamente quando cureremo la nostra igiene orale.

Se però la fuoriuscita di sangue quando ti lavi i denti dovesse assumere i crismi della cronicità, allora sarà d’obbligo darsi da fare per capire l’origine del tutto. Così facendo sarà più facile fermare questo fenomeno. In genere la fuoriuscita avviene dalle gengive quando quest’ultime non sono sane.

Perdere del sangue quando ti lavi i denti è il segnale che qualcosa non va proprio perché è in atto un disturbo, se questa cosa si verifica ogni volta che fai uso dello spazzolino o del filo interdentale. Come è facile intuire, è fortemente indicato sottoporsi ad una visita dal proprio dentista di fiducia, per una analisi visiva del fatto.

Sangue quando ti lavi i denti, cosa fare

Il modellino di una bocca
Il modellino di una bocca (Foto Canva – Inran.it)

Il verificarsi di tale specifica condizione è l’effetto più visibile di una infiammazione delle gengive in corso. Quando ci sono dei problemi che riguardano la nostra igiene orale, sia per quanto riguarda le gengive stesse che i denti, i responsabili sono dei batteri che riescono ad intaccare le superfici della nostra bocca.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE QUESTO CONTENUTO: Epatite B: quali sono i sintomi e come riconoscerli per agire tempestivamente

Un accumulo in eccesso di placca o tartaro tra gli spazi dentali e sugli stessi può portare o alla comparsa di carie o a delle infiammazioni gengivali. In quest’ultima sensazione è anche possibile non avvertire dolore nonostante si assista alla perdita di sangue.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE QUESTO CONTENUTO: Come curare una carie e quanto costa farlo fare al dentista | Tutto quello che devi sapere

Per questo motivo è molto importante parlare della cosa con un esperto odontoiatra certificato. Da questi potremo ottenere le necessarie indicazioni su come fare fermare la cosa subito.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE QUESTO CONTENUTO: Bere acqua prima di andare a letto è davvero una buona idea? Una scoperta che ti lascerà senza fiato

Il consulto di un dentista è fondamentale anche allo scopo di impedire che la gengivite che ci sta facendo sanguinare in bocca si tramuti in qualcosa di più serio, come ad esempio una parodontite.

CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM E SEGUI I NOSTRI VIDEO E LE NOSTRE STORIE SU INSTAGRAM e TIKTOK

La parodontite è proprio una malattia della bocca di origine infettiva batterica che colpisce i tessuti nei quali i denti sono incastonati. Se una gengivite viene trascurata, la conseguenza più grave di ciò può essere proprio una parodontite.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.