Responsabilità affettiva: cos’è e come capire chi la possiede

Che cos’è la responsabilità affettiva e come scoprire chi la possiede: ci sono determinati segnali che indicano chi lavora per il benessere della coppia.

Coppia romantica (Canva) -Inran.it

La responsabilità affettiva è uno dei punti cardine del rapporto di coppia. Quando c’è, si denota un certo equilibrio tra le persone coinvolte. Quando questa è assente, ecco che la situazione inizia a scricchiolare. Di solito, chi è disposto ad assumersi le responsabilità per portare avanti un rapporto maturo e duraturo, è colui che si sacrifica per il benessere della coppia. Mantenere un rapporto sano, maturo, equilibrato, sincero, è alla base della responsabilità affettiva.

Una persona dotata di questa caratteristica, si sacrifica per il benessere dell’altro e dell’insieme. Ci si prende cura dell’altro, si cerca di mantenere la parola data, di far star bene il proprio partner. Chi non possiede questa responsabilità affettiva, di contro, pensa e agisce da egoista. Una persona responsabile per l’equilibrio della coppia cerca di portare benefici nella relazione, di contribuire, di coinvolgere.

Come si comportano le persone dotate di responsabilità affettiva

Due sagome innamorate al tramonto (Canva) -Inran.it

Al contrario, se non esiste questa responsabilità affettiva, il rapporto è destinato a crollare su se stesso. Chi non è responsabile, di solito non si interroga, non indaga sui problemi esistenti, sui propri errori e sull’infelicità propria e del partner. Le persone che si sentono sole, incomprese, non corrisposte, insicure, nonostante vivano una relazione, probabilmente hanno a che fare con un persona priva di responsabilità affettiva.

Anche se il rapporto, in apparenza, potrebbe sembrare felice e privo di problemi, questa mancanza comporta comunque una condizione di instabilità, di infelicità. Manca qualcosa, ci si sente frustrati e insofferenti. Spesso, questa situazione si crea quando si smette di amare. Magari si continua a stare insieme, per convenienza, per affetto o per abitudine, ma alla base non c’è più l’amore.

E allora ecco che si scatena questa sensazione di privazione, di mancanza di profondità e di responsabilità affettiva. Bisogna far sentire importante il proprio partner, per vivere un rapporto fatto di equilibri. L’egoismo, il narcisismo, invece, comportano un rapporto sbilanciato. Ma quali sono i segnali che identificano una persona affettivamente responsabile?

I segnali che indicano una persona affettivamente responsabile

Marito e moglie si stuzzicano (Canva) -Inran.it

Una persona responsabile a livello affettivo si preoccupa per il partner, offre aiuto, cerca di stargli vicino. È una persona che sa ascoltare, che condivide dubbi e preoccupazioni, ma che sa anche confrontarsi sui dubbi dell’altra. Mantiene sempre gli impegni, si impegna per il benessere di coppia, inoltre non fa promesse a vanvera, ma cerca di essere realista e di analizzare i fatti per quello che sono.

Una persona responsabile non cerca mai di ferire la persona che ama, anzi, dimostra di amare in ogni occasione. Inoltre, è una persona sincera, trasparente, che tiene da conto quanto gli viene detto. Riesce a trattare anche discussioni scomode, condividendo il bene e il male.

SE TI VA PUOI ISCRIVERTI AL NOSTRO CANALE TELEGRAM E SEGUIRE I NOSTRI VIDEO E LE NOSTRE STORIE SU INSTAGRAM e TIKTOK

Oggi, una persona priva di responsabilità affettiva, si potrebbe identificare con il termine di “ghosting”, parola inglese coniata per identificare le persone che scompaiono all’improvviso, senza apparente motivo, pur di sottrarsi alle proprie responsabilità. Anche se continuano a essere fisicamente presenti, queste persone si assentano, diventano come dei fantasmi, non forniscono spiegazioni, e magari ricompaiono solo quando fa comodo a loro.

Impostazioni privacy