Metabolismo pigro: ecco i cibi che lo risvegliano e ti fanno perdere peso

Come sbloccare il metabolismo pigro per perdere peso? Bisogna risvegliarlo quando è lento, o non dimagriremo come vorremmo.

Il metabolismo pigro rappresenta un inconveniente che porta ad avere delle conseguenze molto scomode dal punto di vista fisico. Stare in una condizione simile porta a sentirsi molto più spesso affaticati, anche senza avere compiuto degli sforzi. E favorisce l’accumulo di chili in eccesso.

Come attivare il metabolismo pigro?
La scritta Boost your Metabolism (Canva – inran.it)

Se si ha un metabolismo pigro bisogna quindi darsi da fare per cercare di cambiare le cose. Stimolarlo e tenerlo costantemente attivo è un passaggio fondamentale in qualsiasi tipo di dieta. Ma serve anche per vivere meglio in generale. Quando il metabolismo è pigro significa che l’organismo non riesce a compiere con la necessaria velocità i processi naturali che trasformano chimicamente dentro di noi le molecole semplici in altre più complesse, allo scopo di darci energia. Le cause per le quali il metabolismo si impigrisce sono diverse. Abbiamo soprattutto una cattiva alimentazione, uno stile di vita con la totale assenza di movimento e che ci porta a stare sempre seduti per molte ore al giorno, ma non solo.

Metabolismo pigro, quali sono le cause di un metabolismo lento?

Anche i digiuni portano ad arrecare danni al metabolismo ed al fisico in generale. Ed ancora, il cattivo riposo influisce a sua volta in maniera negativa, perché il corpo non riesce a ricaricarsi come dovrebbe.

Come attivare il metabolismo pigro?
La scritta Metabolism in inglese (Canva – inran.it)

E poi possiamo annoverare in questa lista delle criticità che portano ad avere un metabolismo lento anche il non bere acqua a sufficienza ogni giorno, lo stress, problemi alla tiroide e diete improvvisate senza alcun consulto da parte di un esperto. Possiamo provare ad invertire questo trend (anzi, dobbiamo!) assumendo alcuni alimenti specifici che ci faranno bene. E che ci daranno la quantità giusta delle sostanze nutritive che sono indispensabili ogni giorno per stare bene. Non vanno bene le diete ipocaloriche o con un eccesso di zuccheri raffinati e di grassi. Rispettiamo tutti e cinque i pasti quotidiani, ovvero:

  • colazione;
  • spuntino;
  • pranzo;
  • merenda;
  • cena.

Occorre iniziare con una colazione abbondante e sana, fatta di una tazza di latte alla quale accompagnare 50 grammi di cereali, di muesli, oppure una bella ciotola di porridge (puoi unirvi una gran quantità di alimenti), yogurt magro, frutta a pezzi, caffè o tè senza zucchero o qualche fetta biscottata integrale con marmellata di frutta non zuccherata.

Come attivare il metabolismo pigro?
Frutta e verdura da mangiare (Canva – inran.it)

Alcuni di questi alimenti possono essere assunti anche come spuntino o come merenda, unendo in questo novero anche una trentina di grammi di mandorle od un frutto fresco di stagione.

A pranzo ed a cena invece bisogna prediligere pasta o riso integrali con condimento leggero (pomodorini, tonno, un filo di olio e niente sale), carni bianche (pollo, tacchino, coniglio), verdure fresche di stagione, salmone, pesce azzurro. Ed una buona tisana prima di andare a dormire. Magari al finocchio.

Faremo combaciare tra loro, in perfetto equilibrio, le giuste dosi di carboidrati, proteine e grassi che ci occorrono. Assimilando poi anche vitamine di vario tipo, fibre e sostanze minerali. Beviamo anche due litri di acqua con cadenza quotidiana, come minimo. Ed ogni giorno od ogni due giorni andiamo a fare una bella passeggiata a passo svelto. Ci sentiremo subito meglio e finalmente velocizzeremo i procedimenti di dimagrimento.

Impostazioni privacy