Mani fredde: cause e rimedi

Nelle stagioni fredde e non solo è possibile avere mani fredde: il fastidioso disturbo può essere dovuto alle basse temperature, ma può anche nascondere patologie più gravi. Ecco sintomi, cause e rimedi.

Mani fredde: possibili cause non patologiche

Mani fredde: possibili cause non patologiche

Le mani fredde sono un fastidioso disturbo che colpisce le persone durante le stagioni fredde o in ambienti con basse temperature come ad esempio luoghi in cui è azionata l’aria condizionata. Si tratta di un disturbo particolarmente diffuso che può colpire anche persone in ottime salute che semplicemente soffrono in modo particolare il freddo oppure può essere sintomo di patologie più gravi. Se la causa è l’abbassamento delle temperature, la spiegazione risiede nella restrizione delle piccole arterie vicine alla superficie cutanea (vasocostrizione): per limitare la dispersione di calore nel corpo, le arterie si restringono lasciando le parti più esterne più fredde e bianche. La buona circolazione è dovuta anche al movimento, ecco perché le persone che conducono una vita troppo sedentaria sono destinate ad avere mani fredde. Problemi come ansia e irrequietezza possono far aumentare i ritmi cardiaci e spostare l’ossigeno nelle zone più centrali del corpo, mentre la cattiva o lenta digestione causano l’abbassamento della pressione del sangue e quindi le mani fredde. Per quali motivo le donne soffrono più spesso di mani fredde rispetto agli uomini? Il motivo risiede nella presenza di estrogeni, ormoni presenti in abbondanza tra le persone di sesso femminile che possono causare la costrizione dei vasi sanguigni periferici.

Mani fredde: possibili cause patologiche

Le mani fredde possono però essere sintomo di varie patologie come ad esempio la sindrome di Raynaud, spasmo di vasi sanguigni periferici causato sia dalle basse temperature che dallo stress. Si tratta di una sindrome che colpisce soprattutto individui di sesso femminile di età compresa tra i 25 e i 45 anni: durante l’attacco la circolazione del sangue a mani e piedi si interrompe in modo totale o parziale e la pelle diventa quindi bianca o bluastra per alcuni minuti. Quando la circolazione riprende le mani e i piedi diventano rossi e iniziano a formicolare o intorpidirsi. Tra le possibili altre cause patologiche delle mani fredde vi sono l’ipotiroidismo (ovvero il ridotto funzionamento della tiroide), terapie con farmaci beta bloccanti e arteriopatia periferica. Tra le cause patologiche anche l’anemia, ovvero bassi livelli di ferro nel sangue o problemi al collo e zona cervicale. Nei casi di mani fredde per cause patologiche, il disturbo si accompagna spesso con stanchezza cronica: in questi casi è necessario rivolgersi al medico curante per impostare una terapia.

Rimedi naturali per le mani fredde

Quando si soffre di mani fredde, il primo passo da compiere è ripristinare la corretta temperatura corporea: come? Innanzitutto è consigliato posizionare le mani sotto l’acqua corrente e alternare getti caldi e freddi, in modo da ripristinare la circolazione sanguigna. Successivamente è possibile effettuare massaggi alle mani utilizzando creme idranti e oli essenziali. Utilizzare e spalmare durante la giornata una crema idratante aiuta a migliorare la circolazione e prevenire arrossamenti e screpolature causate dal freddo. Per prevenire le mani fredde è consigliato coprire mani e piedi durante le stagioni invernali con guanti e abbigliamento che possono mantenere al caldo le zone interessate.

Anche l’alimentazione corre in aiuto delle mani fredde: esistono infatti diverse spezie e alimenti che favoriscono la microcircolazione: lo zenzero con le sue proprietà vasoprotettive oppure il peperoncino e il ginkgo biloba, mentre è utile consumare generose porzioni di frutta e verdura. Nemici delle mani fredde sono caffè e fumo. Tra i rimedi naturali più utilizzati, soprattutto per chi soffre di circolazione lenta, viene consigliata l’assunzione di gocce di macerato di ippocastano da assumere mattina e sera per un periodo di quindici giorni, da alternare alla tintura madre di pungitopo.

Idroterapia per mani fredde

Idroterapia per mani fredde

I rimedi naturali naturali e alternativi per le mani fredde contemplano anche l’idroterapia, ovvero una serie di sistemi di cura basati sull’utilizzo dell’acqua i cui risultati non sono però provati scientificamente. In questo caso occorre preparare due bacinelle: una con acqua fredda e olio di senape, la seconda con acqua calda e olio essenziale di calendula. Per giovare dei benefici dell’idroterapia bisogna immergere a turno le mani in acqua calda e poi in acqua fredda per circa venti minuti.

Revisione scientifica a cura della Dr.ssa Roberta Gammella. Laureata in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II. E’ registrata all’Ordine Medici-Chirurghi e Odontoiatri di Napoli e Provincia