Coronavirus: arriva la variante Mu

È stata individuata per la prima volta a gennaio ma ora è stata inserita nella lista dell’OMS. È la variante Mu del nuovo Coronavirus: tutti i dettagli.

nuovo coronavirus
(Foto: Pexels)

Gli studiosi la stanno osservando da vicino, ma potrebbe essere responsabile di ben il 39% dei contagi in Colombia e del 13% di quelli in Ecuador. La variante Mu, che era stata scoperta proprio in Colombia già lo scorso gennaio, è quindi, ora, al vaglio degli scienziati dell’OMS. E sembra che somigli alla variante Beta. Al momento, oltre al Sud America, gli Stati colpiti sono solo: Regno Unito, Stati Uniti e Hong Kong, con qualche caso sporadico in Europa. Ora i ricercatori stanno cercando di capire se e quanto è più aggressiva e come potremo difenderci.

Variante Mu, com’è la nuova mutazione del Covid-19

covid-19
(Foto: Pexels)

Non si sa ancora molto di Mu, conosciuta anche come B.1.621. Ma nonostante i casi siano ancora sporadici, hanno già coinvolto ben 39 Paesi nel mondo, tra cui anche Messico e Spagna. E gli scienziati sembrano avere già capito che è in grado di superare la barriera protettiva garantita dagli attuali vaccini.

Potrebbe interessarti anche: Trovato possibile farmaco anti-Covid in un rimedio contro la tenia

Nei 32 casi registrati nel Regno Unito, infatti, molti dei colpiti risultavano essere ragazzi sui 20 anni che avevano ottenuto già la loro prima e, a volte, anche seconda dose.

Per il momento, VUI-21JUL-01, come definito dagli esperti, non sembrerebbe essere aggressiva come l’Alpha o la Delta, ma è comunque molto simile alla Beta, per quanto riguarda la sua capacità di resistenza ai vaccini.

È responsabile di meno del 0,1% dei casi di Covid presenti nel mondo. Ma se presentasse lo stesso cluster di mutazioni delle due varianti più conosciute, potrebbe essere capace di diffondersi altrettanto rapidamente.

Potrebbe interessarti anche: Quarta ondata Covid in autunno: un’unica soluzione per evitarla

I contagi fino a qui registrati non hanno fornito una risposta definitiva, ma sono al vaglio degli esperti dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, perché sembrerebbero essere stati provocati da viaggiatori provenienti dall’estero.

Per restare aggiornat* con news e novità dal mondo del benessere, seguici su Instagram e Pinterest.

La Ica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *