Alito cattivo: non solo aglio e cipolla, anche questi cibi provocano il problema

Non solo aglio e cipolla: anche questi cibi causano l’alito cattivo. Di cosa si tratta e come combattere l’imbarazzante problema.

alito cattivo cibi
(Foto Pexels)

Tutti pensano che l’alito cattivo si origini solo da cibi contenenti aglio e cipolla, ma non è così. Esistono degli alimenti, a prima vista insospettabili, che invece provocano questo problema imbarazzante. In generale, tutti gli alimenti che contengono zuccheri riducono la salivazione provocando l’aumento dei batteri nel cavo orale e, di conseguenza, le circostanze per un’alitosi. Ecco alcuni cibi che possono causare il problema e come rimediarvi.

Tutti i cibi che causano l’alito cattivo e come combatterlo

Quanto sono buone le bruschette con l’aglio o quanto è saporito il tonno alle cipolle… Tuttavia sono condimenti a cui qualcuno potrebbe rinunciare per il problema ad essi collegato: l’alito cattivo. E’ ormai appurato infatti che aglio e cipolla sono due dei cibi principali che scatenano un principio di alitosi. Per alitosi si intende un odore poco gradevole che fuoriesce dalla bocca, provocando disagio a chi lo emana e a chi lo subisce. Il problema può avere diverse origini: patologica e quindi indicare una malattia o legata all’igiene orale della bocca. L’alimentazione gioca sicuramente un ruolo fondamentale e dobbiamo essere consapevoli di tutti quegli alimenti che potrebbero favorire il proliferare di germi nel cavo orale, causando un imbarazzante alito pesante.

caramelle
(Foto Pexels)

E’ importante conoscere quindi tutti i principi chimici e le loro azioni degli alimenti con cui entriamo maggiormente a contatto. Aglio e cipolla ad esempio sono due sapori molto forti e intensi che accentuano il problema. Ma anche la caffeina rallenta la salivazione causando il proliferare di germi e batteri, responsabili dell’alitosi. Anche alcune spezie contribuiscono a potenziarli.

Attenzione ai cibi che contengono zuccheri: principali responsabili di alitosi

Tutti i cibi che contengono zuccheri provocano le condizioni base per l’alito cattivo. Questo perché gli zuccheri non solo hanno un effetto negativo sul nostro alito, ma producono acidi che attaccano lo smalto dei denti, riducendo il Ph della saliva e causando carie e fastidi. Bisognerebbe sempre evitare di entrare a contatto con questi cibi a lungo termine. Tra i maggiori responsabili dell’alito cattivo troviamo:

  • cioccolatini;
  • caramelle;
  • biscotti;
  • dolci a base di caramello;
  • succhi di frutta;
  • bevande zuccherate come coca cola.

In genere tutti i prodotti raffinati aumentano le possibilità di contrarre il problema.

Potrebbe interessarti anche: Alitosi addio con 4 ingredienti che già avrete nel vostre cucine

Come combattere l’alito cattivo: semplici soluzioni

Una corretta igiene orale che consiste nel lavarsi i denti a fine pasto è la soluzione ideale per prevenire e combattere l’alito cattivo. Ma esistono anche altre alternative. La prima è quella di utilizzare delle foglioline di menta per attenuare il problema, si tratta infatti di una pianta aromatica dalle proprietà disinfettanti utilizzata già dai greci e dai romani. La seconda buona abitudine è quella di bere tanta acqua, non solo per dissetarsi o idratarsi, ma anche per pulire il cavo orale. Inoltre un regime alimentare sano, con abbondante consumo di frutta e verdura, è un ottimo espediente per evitare il proliferare dei batteri nella bocca. In ultimo, se vi trovate fuori casa sprovvisti di spazzolino e dentifricio, munitevi di gomme da masticare, naturalmente senza zucchero: il vostro alito vi ringrazierà.

Sophia Melfi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *