Salame ritirato per presenza di Listeria: allerta alimentare

Il Ministero della Salute ha ritirato un lotto di salame marchigiano per presenza di Listeria, un batterio tossico e dannoso per la salute. Tutti i dettagli.

salame ritirato listeria
(Foto Pexels)

Il Ministero della Salute ha ritirato in via precauzionale un lotto di salame marchigiano del Salumificio Rossi, per contaminazione da Listeria. L’allerta alimentare è alta, trattandosi di uno dei batteri più tossici e dannosi per la salute. Come sempre, la raccomandazione è quella di non consumare il prodotto contaminato e di riportalo indietro al punto vendita di riferimento. Tutti i dettagli.

Salame ritirato per contaminazione da Listeria: pericoloso per la salute

Il 6 ottobre, il Ministero della Salute ha lanciato una nuova allerta alimentare. Questa volta tocca ad un lotto di salame marchigiano del Salumificio Rossi, con ragione sociale dell’OSA: Salumificio Rossi Srl. Il motivo del richiamo alimentare si deve ad una contaminazione da Listeria, un batterio tra i più tossici e nocivi. Si raccomanda di non consumare il prodotto contaminato e di riportarlo indietro al punto vendita di riferimento. Non è il primo caso di contaminazione da Listeria per quanto riguarda i prodotti di macelleria, si pensi ad esempio alla Salsiccia Cornicchia ritirata pochi giorni fa o ancora ad altri salumi a marchio Carrefour.

salame ritirato
(Google Images)

Potrebbe interessarti anche: Ritiro alimentare: non consumate questo prodotto, rischio chimico

Tutte le indicazioni sul salame marchigiano ritirato dal Ministero della Salute

Nella giornata di ieri, un lotto di salame marchigiano del Salumificio Rossi è stato ritirato per presenza di Listeria Monocytogenes. Si vende in pezzi da 500 grammi ciascuno, sfuso con il lotto di produzione: 6/09/2021 e marchio di identificazione del prodotto: ITCE U315Q. La scadenza del salame è prevista il 12/11/2021 e lo stabilimento produttore si trova a Moresco, in via dei Pini n.35/A. L’avviso di richiamo reca scritto: “Non consumare il prodotto e riportarlo al punto vendita.” 

Potrebbe interessarti anche: Allarme Listeria: ritirato un lotto di porchetta di Ariccia, tutti i dettagli

Carne e derivati sono gli alimenti maggiormente a rischio Listeriosi, un’infezione alimentare che provoca: febbre, mialgia, encefalite, nausea, vomito. Come prevenire la Listeria?

  • Risciacquare correttamente e disinfettare gli alimenti, come frutta e verdura, prima di mangiarli.
  • Pulire gli alimenti con delle posate sterili.
  • Mantenere la temperatura del frigorifero a 4°, mentre quella del congelatore a -17°.
  • Frigorifero pulito e disinfettato.
  • Cuocere la carne e i suoi derivati e non mangiarla cruda se non si ha la certezza di un corretto abbattimento termico (vale anche per i formaggi).

Sophia Melfi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *