Le regole per conservare a lungo il parmigiano e altri formaggi stagionati

Come conservare al meglio il parmigiano o altri formaggi stagionati grattugiati in frigorifero? Vediamo alcuni consigli che ne garantiranno il mantenimento.

come conservare formaggi
(Foto Pexels)

Volevate condire una carbonara con del buon pecorino stagionato che avevate lasciato in frigo? Non sarebbe una novità accorgersi di muffa e odori spiacevoli provenienti dal formaggio, questo perché probabilmente non conoscete i consigli per conservare a lungo i formaggi stagionati e il parmigiano. Vediamone alcuni dei più efficaci.

Metodi per conservare il parmigiano e i formaggi stagionati in frigorifero

La nostra tradizione culinaria è ricca di latticini e formaggi come parmigiano, pecorino, provolone. Ognuno ha un gusto e una fragranza diversa da mantenere adeguatamente in frigorifero. Per questo è importante, quando si acquistano questi prodotti, conoscerne anche i metodi di conservazione più efficaci. Utilizziamo il formaggio per la maggior parte dei nostri piatti, come la pasta, una vellutata, una pizza. Il formaggio fa parte del nostro retaggio culinario e pertanto va rispettato.

formaggi
(Foto Pexels)

Come conservarlo al meglio: pellicola, sacchetti, carta argentata? Per garantirne a pieno le proprietà organolettiche è bene seguire alcuni semplici accorgimenti che tutti possono adottare. Vediamone alcuni.

Potrebbe interessarti anche: I migliori formaggi senza lattosio: la classifica dei marchi di qualità

1) Sacchetto di cotone

In assenza di un luogo buio e secco in cui conservare i formaggi stagionati, come il parmigiano, bisogna reinventarsi seguendo alcuni semplici consigli per far durare più a lungo questi preziosi latticini. Uno dei più quotati è quello di utilizzare un sacchetto di cotone al 100% naturale. Riponendo il vostro formaggio al suo interno ne garantirete sapore e consistenza. Assicuratevi che il sacchetto abbia un laccetto di chiusura e mettetelo in frigorifero. Grazie a questo metodo, i formaggi stagionati non perderanno le loro proprietà organolettiche e si manterranno per circa due settimane. Il cotone infatti è un tessuto traspirante che permette un processo di deteriorazione molto più lento.

2) Contenitori per alimenti

Per conservare il parmigiano e i formaggi stagionati per almeno 4 settimane occorre procurarsi dei contenitori per alimenti anti condensa. Meglio se in vetro o in plastica ed ermetici in modo da non far passare l’umidità al suo interno. Basterà disporli nel ripiano meno freddo del frigorifero. E’ anche un’opzione eco friendly che farà risparmiare carta e plastica.

formaggio
(Foto Pexels)

3) Carta per formaggi

Uno dei metodi più efficienti per conservare a lungo i vostri formaggi è sicuramente quello di acquistare al supermercato della carta apposita per formaggi. Solitamente si trova nel reparto della pellicola, della carta argentata e altri rotoli. Attraverso questa tecnica, potrete far durare a lungo il parmigiano benché serviranno grandi quantità di carta che forse potrebbero avere un impatto negativo sull’ambiente. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare piccole porzioni a stretto giro, solo se necessario.

4) Sottovuoto

Un altro dei metodi più efficaci per conservare i formaggi è la tecnica del sottovuoto. Vi serviranno dei sacchetti appositi e una macchinetta per sigillarli. In alternativa, potrete chiedere al vostro salumiere di fiducia. In questo modo i vostri formaggi, se riposti nella parte più bassa del frigorifero, dureranno dai due ai tre mesi.

Potrebbe interessarti anche: Gli alimenti più pericolosi per la salute: attenzione agli acquisti

Avvolgere i formaggi nella pellicola trasparente è una cattiva abitudine da abbandonare poiché è un materiale che non lascia traspirare l’alimento, soffocandolo. Spesso infatti il cibo risulta secco o peggio ammuffito. Un altro elemento da tenere fortemente in considerazione è la temperatura di conservazione. La giusta temperatura di mantenimento di un formaggio stagionato oscilla tra gli 8 e i 10°. Il troppo freddo blocca le proprietà organolettiche, mentre il caldo favorisce il deterioramento dell’alimento.

Sophia Melfi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *