Recuperare i maglioni infeltriti: ridare vita alle tue maglie di lana

Come recuperare i maglioni infeltriti, tutte le tecniche per renderli di nuovo morbidi e piacevoli come se fossero nuovi.  Vediamo come ciò è possibile.

maglione
(Foto Pixabay)

A chi non è capitato di sbagliare a fare un lavaggio in lavatrice? Purtroppo però quando succede per i capi in lana il problema si complica un po’.  Tuttavia usando piccoli rimedi naturali, si può provare a recuperare i maglioni infeltriti, sottraendoli al loro triste destino.

Quando il processo di infeltrimento è totale è praticamente impossibile tornare indietro, ma se si agisce subito su un infeltrimento parziale è possibile porre rimedio, almeno in parte.

Vediamo come possiamo recuperare i maglioni infeltriti prima che finiscano nella pattumiera o come strofinacci.

Recuperare i maglioni infeltriti

Recuperare i maglioni infeltriti non è una missione impossibile davanti a cui alzare le mani. Basta un po’ di impegno e queste efficaci tecniche.

maglioni
(Foto Pixabay)

La lana, se lavata a temperature non adeguate o con programmi non idonei tende a infeltrire, cioè a diventare dura e compatta.

Perciò prima di metterli in lavatrice è opportuno consultare la targhetta che solitamente è presente sui capi. Di seguito alcuni consigli per lavare con delicatezza i nostri capi di lana:

  • lavaggio a mano in acqua fredda con l’utilizzo di detersivi adatti e ammorbidente;
  • lavaggio in lavatrice ma predisponendo il lavaggio ad hoc e ad acqua fredda;
  • stessa temperatura durante tutta la fase di lavaggio e risciacquo;
  • utilizzo di detersivi adatti e delicati;
  • mai strizzare i pullover ma avvolgerli in un asciugamano per togliere l’acqua in eccesso.

Questi erano i suggerimenti per evitare di arrivare al punto di infeltrire i maglioni in lana. Tuttavia per fortuna esistono dei rimedi efficaci che scopriremo di seguito.

Ammorbidente

Questo metodo per recuperare i maglioni infeltriti è molto semplice, basterà procurarsi una bacinella con dell’acqua calda e immergere all’interno il maglione infeltrito.

Una volta che l’acqua si sarà raffreddata aggiungete l’ammorbidente. Lasciate in ammollo per tutta la notte, poi sciacquate sempre in acqua fredda e stendete. Facciamo presente che l’utilizzo dell’ammorbidente è consigliato per pura lana e cachemire.

Potrebbe interessarti anche: Bucato perfettamente stirato e profumato: ecco un semplice trucchetto

Trementina, alcol e ammoniaca

Si tratta di una soluzione di 10 litri d’acqua tiepida, 2 cucchiai di sapone liquido per lana, mezzo cucchiaio di alcol, un cucchiaio di trementina e 3 cucchiai di ammoniaca.

Lasciare il maglione infeltrito in ammollo per un giorno intero, senza mescolare o cambiare l’acqua. Poi risciacquarlo in acqua fredda, non strizzarlo ma tamponarlo con un asciugamano.

Per asciugare, mettere il maglione in posizione orizzontale lontano dalla luce del sole.

Latte

Questo del latte è un po’ il consiglio della nonna, quello più antico dove bisogna immergere il maglione infeltrito in acqua fredda e latte per circa 2 ore. La dose di acqua deve essere di tre volte superiore a quella del latte. Ad esempio un litro di latte su tre di acqua.

Balsamo, aceto di mele e limone

Quella del balsamo, aceto di mele e limone, è una formula molto valida per recuperare un maglione infeltrito è composta da: un litro di acqua tiepida, 200 ml di balsamo per capelli, 50 ml di aceto di mele e il succo di due limoni. Mettere il maglione in ammollo nella soluzione appena descritta, per circa un’ora.

In un’altra bacinella preparare un altro ammollo con un litro d’acqua tiepida, 4 cucchiai di balsamo e il succo di un limone e rimettere in ammollo per circa 30 minuti. Dopodiché trascorso il tempo risciacquate e stendete il maglione senza strizzare esageratamente.

Bicarbonato e acido tartarico

Si tratta di una soluzione composta da 2 litri di acqua e 20 g di bicarbonato, dove immergere il maglione e lasciarlo in ammollo una notte intera.

Dopodiché procedere con il lavaggio utilizzando sapone di Marsiglia. Preparare una nuova soluzione composta da 2 litri d’acqua e 10 cucchiai di acido tartarico, dove immergere il maglione.

Mescolare ogni ora per 6 ore, infine sciacquate e stendete.

Raffaella Lauretta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *