Ritirata polenta rapida per presenza di corpi estranei: non consumare

Il Ministero della Salute ha richiamato un lotto di polenta rapida ritirata per la presenza di corpi estranei al suo interno. Di cosa si tratta.

polenta ritirata
(Foto Pexels)

Il Ministero della Salute ha richiamato un lotto di polenta rapida a marchio Coop per via della presenza di alcuni corpi estranei, non identificati, al suo interno. In via precauzionale, il presidente dello Sportello dei Diritti, Giovanni d’Agata, raccomanda di non consumare il prodotto contaminato e di riportarlo indietro al punto vendita di riferimento per un eventuale rimborso.

Polenta rapida ritirata, scatta l’allerta alimentare: presenza di corpi estranei

Giovanni d’Agata, Presidente dello Sportello dei Diritti, pubblica l’avviso di richiamo relativo ad un lotto di polenta rapida. La polenta è stata richiamata per via della presenza di corpi estranei al suo interno. Tuttavia gli organi competenti non hanno reso pubblico il genere di contaminazione. Si raccomanda quindi di non consumare l’alimento istantaneo in via precauzionale. Si tratta di una polenta rapida a marchio Coop, prodotta da Molino Rossetto Spa. Non è la prima volta che questo produttore risulta coinvolto in una serie di ritiri alimentari. In via precauzionale, il Ministero della Salute ha ritirato due lotti di polenta Coop.

richiamo
(Google Images)

Potrebbe interessarti anche: Esselunga ritira tre prodotti: presenza di frammenti di vetro all’interno

Informazioni utili sulla polenta ritirata

La polenta rapida Coop richiamata è stata prodotta da Molino Rossetto Spa, nello stabilimento di via San Fausto, 98 a Pontelongo, in provincia di Padova e commercializzata da Coop Italia S.C. Non è la prima volta che questo produttore risulta coinvolto in dei richiami. Il Ministero della Salute ha ritirato ben due lotti di polenta rapida Coop per la possibile presenza di corpi estranei. Si tratta di confezioni di Polenta Rapida Coop 75G (EAN 800112094334) con i numeri di lotto L21 288 avente il termine minimo di conservazione 15/10/2023 e L21 289 avente il termine minimo di conservazione 16/10/2023. Il Ministero della Salute e il presidente dello Sportello dei Diritti raccomandano di non consumare il prodotto contaminato.

Potrebbe interessarti anche: Ritiro alimentare: ciambella richiamata per presenza di allergeni

Dei corpi estranei non sono eccessivamente pericolosi per il nostro organismo, in quanto le pareti del nostro stomaco e intestino sono naturalmente tarate per auto proteggersi dai corpi contundenti. Tuttavia, per non lesionare bocca, gengive e denti è bene evitare di entrare in contatto con questi agenti.

Sophia Melfi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *